Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità Rivergaro

«A Rivergaro serve un agente in più, non è una spesa inutile»

La minoranza di “Noi per Rivergaro” contesta le considerazioni del sindaco Albasi in merito all’assunzione di un agente di polizia locale

«Non siamo disposti ad avvallare gli alibi del sindaco Andrea Albasi». Il gruppo di opposizione “Noi per Rivergaro” contesta alcune considerazioni del primo cittadino rivergarese. In apertura di Consiglio dell’Unione Bassa Valtrebbia e Valluretta di sabato 30 aprile, il consigliere Cornelli di Rottofreno, chiedeva se il Comune di Rivergaro intendesse incrementare il numero di agenti di Polizia Municipale (che da due è sceso a uno). In risposta, il sindaco Albasi ha spiegato che attualmente non è possibile per limiti di bilancio.

«Ma non è così - replica il consigliere Maschi - ribadendo quanto chiarito dall’economo comunale nella Commissione Bilancio di fine 2021, in fase di analisi del Dup, la mancanza di nuove assunzioni è una scelta dell’Amministrazione e non dipende da limiti imposti da normative inerenti al bilancio che, anzi, lascerebbero la possibilità di assumere addirittura 6 figure aggiuntive.

Ora, a rendiconto approvato, se il sindaco volesse, potrebbe assumere il vigile richiesto sì dai colleghi dell’Unione, ma in primo luogo dai cittadini rivergaresi che da troppo tempo aspettano l’aumento di agenti sul territorio comunale». «Il sindaco Albasi – aggiunge Maschi - vede la presenza di un ulteriore vigile come un fardello per il Comune di Rivergaro, paventando lo scioglimento dell’Unione: qualora l’Ente fosse smantellato, la spesa per l’agente di Polizia Municipale in più resterebbe sul “groppone” inutilmente». Ma il gruppo di opposizione Noi per Rivergaro è da sempre del parere contrario. «Il nostro Comune ha bisogno di più vigili per garantire la sicurezza dei rivergaresi e perciò l'assunzione va fatta, con o senza Unione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«A Rivergaro serve un agente in più, non è una spesa inutile»
IlPiacenza è in caricamento