Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità

A San Giorgio assegnato il premio "Al turrass" a Gianluca Feccia e Camilla Gorrini

L’evento, che si è aperto con la Santa Messa celebrata dal parroco don Claudio Carbeni, ha visto l’assegnazione del premio a due giovani sangiorgini che si stanno distinguendo in ambito musicale, raggiungendo già importanti traguardi

Si è svolta domenica 12 settembre in piazza Marconi a San Giorgio la cerimonia di consegna del premio “Al Turrass” 2021 (XIV edizione). L’evento, che si è aperto con la Santa Messa celebrata dal parroco don Claudio Carbeni, ha visto l’assegnazione del premio a due giovani sangiorgini che si stanno distinguendo in ambito musicale, raggiungendo già importanti traguardi: Camilla Gorrini e Gianluca Feccia.

Le motivazioni che hanno portato l’Amministrazione comunale a tale scelta si legano al ruolo fondamentale della musica nell’educazione, nella vita della comunità e, più in generale, nella crescita sociale dei singoli individui.

Per questo sono stati premiati:

- Camilla Gorrini, 20 anni, ammessa da pochi giorni al triennio universitario in canto pop/rock al conservatorio “Arrigo Boito” di Parma dopo aver già inciso il suo primo singolo inedito “Above the fire”, essersi classificata seconda al concorso nazionale “Una voce per Sanremo” nel 2019 e aver partecipato a vari talent e programmi televisivi. Nelle prossime settimana è attesa l’uscita del secondo singolo “Voglio la favola”.

- Gianluca Feccia, classe 1996, fondatore e direttore della Piacenza Wind Orchestra, studente di direzione d’orchestra presso il Conservatorio di musica “Giuseppe Verdi” di Milano dopo aver già studiato pianoforte, composizione e arrangiamento oltre al corso di laurea Astrofisica all’Università di Milano-Bicocca. Ha scritto diversa musica per strumenti ed orchestra, collaborato con la Fondazione Teatri di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ravenna come Musicista di banda in palcoscenico per la produzione di Macbeth, Un ballo in maschera e Gioconda, con l’Orchestra di Fiati del Conservatorio di Piacenza, con la Rovereto Wind Orchestra e con l’associazione musicale “Giuseppe Verdi” di Busseto.

A seguire, la manifestazione è proseguita con la consegna di un attestato, da parte del Sindaco Donatella Alberoni, agli oltre 60 ragazzi (dai 13 ai 17 anni) e ai tanti volontari/associazioni che hanno attivamente partecipato al progetto estivo “AggregaMenti”. Il Sindaco ha ricordato che il progetto è stato “un’iniezione di fiducia nei giovani che nel corso della pandemia sono stati costretti a modificare i propri comportamenti e ad imparare a convivere, in un’età delicata, con l’incertezza e la paura del futuro” e ha lanciato un appello ai presenti invitando “a riprendere entusiasmo e forza di lavorare nel mondo del volontariato che ci aiuta a diffondere un nuovo virus, un nuovo contagio che non è il Covid 19 ma il virus della gratuità, della solidarietà, del sentirsi appartenenti a una comunità che ama il proprio territorio e che lavora con passione per la sua crescita e di quella della comunità in cui vive”.

La mattinata si è conclusa con la presentazione del progetto “Ego Sum”, ideato dal presidente della Pro Loco Adriano Modenesi, per cui basterà inquadrare un QR code apposto sui cartelli di alcune vie/piazze per essere rimandati in pochi secondi ad una pagina web di ricordi, di emozioni che permettono di fare un tuffo nella storia e che ridanno ‘vita’ ad una semplice scritta sulla segnaletica.

L’assessore Samuele Uttini ha illustrato i primi tre prototipi che nelle prossime settimane saranno installati sui cartelli che ricordano:

- la prof.ssa Livia Astorri, sindaco di San Giorgio dal 1970 al 1990 che acquistò, come sede municipale, il Castello Anguissola Scotti

- mons. Evaristo Rossi, arciprete di San Giorgio dal 1927 che nella sua opera pastorale si distinse per l’affermazione della giustizia e della libertà oltre ad acquistare la casa vacanze di Luneto (che tanti di noi hanno e avranno nel cuore) e ad erigere la Casa di riposo Ceresa (che rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la comunità nel sostegno alla popolazione anziana)

- Albert Schweitzer, medico e filantropo, Nobel per la pace nel 1952.

La giornata di festa è proseguita in serata con il concerto della Piacenza Wind Orchestra, diretta proprio dal Maestro Feccia (premiato in mattinata) e con la partecipazione della voce solista Marta Brandolini. Il numeroso pubblico ha potuto apprezzare, nella splendida cornice dalla Cortazza del Municipio, musiche di Basie, Ellington, Gershwin, Piazzola e tanti altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A San Giorgio assegnato il premio "Al turrass" a Gianluca Feccia e Camilla Gorrini

IlPiacenza è in caricamento