Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità Vigolzone

A Vigolzone ridotte le tariffe Tari e approvato il contributo ai centri estivi

Tariffe Tari ridotte del 3%, applicata la riduzione Covid-19 per 46.290 euro, stanziati 15mila euro di contributo ai centri estivi e 30.500 euro per il recupero della Tari arretrata

Tariffe Tari ridotte del 3%, applicata la riduzione Covid-19 per 46.290 euro, stanziati 15mila euro di contributo ai centri estivi e 30.500 euro per il recupero della Tari arretrata. Nel Consiglio Comunale del 24 giugno sono state ratificate due variazioni di bilancio. Nella prima sono stati stanziati contributi Covid per 15mila euro a favore dei centri estivi che porteranno alle famiglie dei bambini frequentanti i centri estivi certificati uno sconto di 40 euro a settimana per il tempo pieno e di 25 euro per il tempo parziale. Nella seconda variazione sono state previste maggiori entrate per Imu/Tasi/Tari di anni precedenti per 30.500 euro destinati al recupero coattivo di Imu/Tasi/Tari arretrati dal 2013 al 2016. Verrà assegnato ad una nuova società il recupero coattivo del pregresso scaduto, ovvero per coloro che hanno lasciato scadere i solleciti e, ad oggi, non hanno ancora provveduto al pagamento del dovuto.

E’ stato inoltre votato il nuovo regolamento Tari adeguandolo al Decreto Legislativo 116/2020 che introduce la nuova classificazione di rifiuti tra urbani e speciali (prodotti nell’ambito delle lavorazioni industriali) e per le utenze non domestiche la possibilità di conferire al di fuori dal servizio pubblico. La scelta dovrà essere dichiarata all’Ente entro il 31 maggio per il 2021 e entro il 30 giugno per gli anni seguenti, dovranno inoltre produrre entro il 31 gennaio dell’anno successivo la documentazione che comprovi di aver avviato i rifiuti al recupero. E’ stato approvato il rinvio al 30 settembre della prima bolletta Tari per quelle attività che hanno subito restrizione o chiusura dalla zona rossa o arancione anno nell’2021.

Sono state approvate le tariffe Tari per il 2021 per le quali l’applicazione della detrazione prevista al punto 1.4 della Determinazione Arera n.2/2020 (le entrate effettivamente conseguite a seguito dell’attività di recupero dell’evasione e da procedure sanzionatorie) per 18.790 euro, la suddivisione dei costi del Piano Economico finanziario su una maggior metratura derivante dal recupero dell’evasione, hanno generato una riduzione di circa 3% per tutte le attività produttiva. A questo si è aggiunto un ulteriore sconto del 56% sul totale della bolletta per quelle attività che hanno subito restrizione o chiusura dalla zona rossa o arancione nell’anno 2021, applicando l’intero importo del contributo Covid ricevuto dallo Stato di 46.230 euro.

«L’Amministrazione – fa sapere in una nota - sta mettendo in atto diverse attività atte al recupero sia della Tari già bollettata e non ancora riscossa sia dell’evasione al fine di continuare nel percorso già intrapreso di riduzione delle tariffe. Il principio per il quale se tutti pagano il giusto si paga meno, è la base di lavoro dell’assessore ai tributi Ernestina Rigamondi che, consapevole di aver chiesto un impegno importante oltre l’ordinario agli uffici preposti dell’Ente, ha già individuato un progetto specifico di verifica e aggiornamento della banca dati delle utenze domestiche da realizzarsi entro il 2021».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Vigolzone ridotte le tariffe Tari e approvato il contributo ai centri estivi

IlPiacenza è in caricamento