menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Egidio Mura

Egidio Mura

Addio a fratel Egidio Mura, il ricordo dell'ex preside del San Vincenzo

Nel 1972 Piacenza perdeva una scuola di primaria importanza educativa, formativa e didattica: il Collegio San Vincenzo dei Fratelli delle Scuole Cristiane di San Giovanni Battista de la Salle, più facilmente conosciuti come “Lasalliani”. Motivi vari e di varia natura condizionarono la decisione estrema nella nostra città, laddove in tante altre città, sia limitrofe sia dell’Italia in generale e del mondo, tale tipo di Scuola continuò ad esistere ed esiste tuttora efficiente ed efficace.

 In questi giorni, purtroppo anche l’ultimo dei “Fratelli” che avevano insegnato a Piacenza negli Anni ’60 e che poi, stante la chiusura, aveva dovuto lasciare la nostra città, è tornato al Cielo. Si tratta di Fratel Egidio Mura, docente per dieci anni al “San Vincenzo d’un tempo, e amico di tanti allievi (poi ex-allievi) del “San Vincenzo” d’un tempo, e che comunque mai aveva perso i contatti con l’Associazione ex-allievi del Collegio San Vincenzo di Piacenza: ogni anno era non solo presente alla giornata di festa, proveniente sempre dalla Casa Madre di Torino, ma era il... “fulcro” della “giornata” degli ex-allievi di Piacenza, e in ogni caso il “punto di riferimento”.  Le sue “relazioni” erano sempre dense di verità e di simpatico rispettoso umorismo, e sempre pregne dei Valori insegnati e (da chi li ha intesi bene) interiorizzati, e poi vissuti e trasmessi.

Dopo aver lasciato Piacenza, Fratel Egidio era stato Direttore-Preside dell’omonima Scuola a Massa, per poi definitivamente essere di stanza a Torino.  Senza sterili sentimentalismi, va  doverosamente detto che si è perso un grande  docente e un grave amico, per gli ex-allievi del Collegio San Vincenzo” di Piacenza. Non si intende fare il panegirico né dell’Istituto, né della Persona “scomparsa”, ma è fuor di dubbio che l’insegnamento serio e vero che i “lasalliani” hanno saputo  e sanno infondere (ove essi esistono con le loro scuole) sono “pietre miliari” per la “Vita” della persona, sempre nel presupposto che tali Valori si intendano comprendere, recepire ed attuare come sentiero di vita. La mancanza di Fratel Egidio si farà sentire, da parte  di chi lo ha conosciuto; e si farà sentire perché mancherà il suo brio, la sua cultura la scherzosità, la sua serietà professionale, la sua immediata simpatia.

Chi scrive è stato un allievo decennale del “San Vincenzo” di “allora”, ed ha conosciuto fratel Egidio Mura all’inizio degli Anni ’60, a Piacenza, quando Fratel Egidio vi giunse e chi scrive aveva appena concluso e conseguito la Maturità Classica nella Scuola Statale. Ma pur non avendolo avuto come diretto insegnante, ne ha avuto modo e buona sorte di conoscerne le doti fin dall’ormai lontano 1962-63, incontrandolo sempre, pressoché ogni anno, e sempre in un clima di festosa ricorrenza ma soprattutto di festosi (ed un tempo nostalgicamente piacevoli) ricordi di una Scuola che ha saputo donare un serio e nel contempo sereno fondamento di Vita. Non lo dimenticheremo Fratel Egidio Mura, scomparso in questi giorni ad 80 anni, peraltro ottimamente “portati”, ed  appena compiuti alcune settimane or sono.

Roberto Laurenzano 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino, a Piacenza in arrivo quasi 54mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento