Aggressione alle forze dell'ordine al Peep, il commento dell'associazione Rete

L'Associazione Rete prende le distanze da quanto accaduto, condannando l'episodio di violenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

In merito all'aggressione di ieri pomeriggio avvenuta ai danni delle Forze dell'Ordine, intervenute per dei controlli al Peep in seguito ad alcune segnalazioni, l'Associazione Rete prende le distanze da quanto accaduto, condannando l'episodio di violenza. Il commento di Manuel Radaelli, presidente di Rete: «La tensione nel quartiere è papabile e gli episodi di violenza purtroppo proseguono senza soluzione di continuità. Che ci siano gruppi di persone che, tra spaccio ed ubriachezza molesta, creano problemi nella zona, è risaputo da tempo e le nostre richieste di maggior sicurezza servono anche a tamponare questi frequenti episodi. Tuttavia - attacca Radaelli - che si generalizzino gli atteggiamenti di pochi a tutti i residenti della zona è inaccettabile, poiché da mesi stiamo conducendo con essi questa importante battaglia per la sicurezza nel quartiere. È assurdo che dopo le nostre manifestazioni per la legalità e la sicurezza, ancora siamo qui ad assistere a certi episodi. Il benessere della zona parte però da un controllo organico e continuo, che tenda a stemperare la tensione e ripristinare una condizione di normalità». Conclude Radaelli: «Inoltre, attendiamo anche conferme circa l'accaduto, per comprendere cosa possa aver portato il gruppo di giovanissimi ad una reazione così sconsiderata e aggressiva. In seguito ad alcune segnalazioni, pare che la situazione sia più fumosa di quanto riportato dalle prime notizie. Ci riserveremo ad ulteriori commenti sul fatto ad informazioni certe acquisite».

Torna su
IlPiacenza è in caricamento