Agronomi, Luigi Stefanini premiato per i 40 anni d’iscrizione all'ordine

L’agronomo piacentino Luigi Stefanini è stato premiato dai suoi colleghi durante l’assemblea annuale dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Piacenza

Da sinistra: Emanuela Torrigiani (presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Piacenza), Luigi Stefanini, il vicepresidente e referente per la comunicazione Giuseppe Miceli, Paolo Iaocopini (presidente del Consiglio di disciplina) ed Emanuele Pisaroni

Nella recente assemblea degli iscritti all’Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali della provincia di Piacenza che si è svolta per l’occasione presso l’Azienda Agricola Pizzavacca a Soarza di Villanova, è stato premiato Luigi Stefanini per 40 anni di iscrizione all’Albo.

Stefanini, ora libero professionista che si occupa soprattutto di consulenza ed assistenza per l'internazionalizzazione delle imprese agricole e agroalimentari e per la costituzione di reti di imprese del settore agroalimentare e ambientale, è stato per decenni direttore della Tadini di Gariga contribuendo in maniera determinante alla formazione di tecnici e per la sperimentazione in agricoltura e nell’allevamento delle bovine da latte.

La presidente Emanuela Torrigiani nella sua relazione ha spiegato i rapporti intercorsi dall’Ordine con Politecnico di Milano, Facoltà d’Agraria di Piacenza, con la Sovrintendenza archeologica belle arti e paesaggio, con il comune di Piacenza per la stesura del Regolamento comunale del verde. Ed ancora: i tavoli di lavoro con il Conaf  (ordine nazionale) su trasparenza e sicurezza alimentare, la formazione e la partecipazione alle Commissioni della Federazione Regionale.

Dopo il bilancio dell’attività di formazione, è intervenuto il dott. Paolo Jacopini  che ha relazionato sull’attuazione del regolamento istitutivo e linee di indirizzo attività del Consiglio di Disciplina dell’Odaf di Piacenza.

Infine Emanuele Pisaroni titolare dell’azienda Pizzavacca ha illustrato la storia e le strategie dell’azienda Pisaroni specializzata nella trasformazione nel settore dell’orto frutta, dal campo allo scaffale.

L’azienda grazie alla dinamicità commerciale delle famiglia Pisaroni, oggi esporta i suoi prodotti non solo in Italia ma in Europa e nel mondo. Da generazioni coltivano  nei loro campi le tante varietà di frutta e verdura, proponendo i prodotti  trasformati artigianalmente secondo le antiche ricette della bassa piacentina, come i nettari di frutta e le conserve di verdura, che escludono l’utilizzo di conservanti e coloranti.

Mauro e Bruno, titolari dell’azienda, da più di trenta anni coltivano cereali, barbabietole da zucchero, mais, foraggi e orticole da campo, come prima di loro avevano fatto nonno Angelo e il bisnonno Lazzaro Pisaroni. Oggi, Emanuele, laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie  presso l’Università Cattolica di Piacenza, si occupa della trasformazione delle materie prime coltivate in campo e della conduzione agricola del fondo insieme al padre, nel pieno rispetto dei principi di sostenibilità ambientale ed ecologia del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine, ovviamente, l’aperitivo e la degustazione di questi straordinari prodotti aziendali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento