«Aiutateci ad aiutare Sebastian, pazzo orecchiuto "acchiappabaci" in cerca di casa per guarire»

La storia di Sebastian, giovane ospite del canile di Piacenza in cerca di adozione, raccontata dalla sua volontaria Enza Stringile

Sebastian, ospite del canile di Piacenza in cerca di adozione

Sebastian è un giovanissimo e bellissimo segugio italiano a pelo forte di 3 anni, entrato a far parte degli ospiti del canile di Piacenza due anni fa in seguito ad un ritrovamento come cane vagante e senza chip. Da quel momento gli sono stata assegnata come una delle sue volontarie, e da lì è iniziata la nostra storia. 

Sebastian si è da subito distinto; un buffo e maldestro segugino che adora passeggiare, correre e giocare soprattutto in compagnia di cagnoline femmine che lui ama follemente. E' un gran coccolone molto tenero e dolce con le persone di cui si fida, un vero "acchiappabaci". A dicembre dello scorso anno ci accorgiamo che fatica a camminare e ha dolore agli arti posteriori; viene da subito visitato nell'ambulatorio veterinario della struttura e, dopo esser stato sottoposto a lastre, il risultato spiazza tutti: Sebastian è affetto da displasia bilaterale alle anche e ha una forte artrosi. Si inizia così a "tamponare" con una terapia a base di condroprotettori e viene immediatamente spostato dal box ai gabbioni interni, più caldi ed asciutti. 

Da subito il primo pensiero di tutti è stato quello di cercare una super adozione proprio perché il freddo e l'umidità sono deleterie per il suo problema e l'unica soluzione sarebbe operare ma, ahimè, l'intervento è molto costoso e purtroppo per lui non si "spalanca la porta del box". L'adozione non arriva, Sebastian è ancora in canile ma con tanti piccoli accorgimenti riesce a correre e muoversi senza problemi; insomma continua ad essere il giovane pazzo "orecchiuto" quale è. 

Passa un altro anno ed eccoci a dover affrontare un nuovo inverno; durante questi mesi siamo riusciti a gestire la sua displasia al meglio, ma con l'arrivo del gelo sta peggiorando e da una settimana l'anca sinistra (che è quella più danneggiata) inizia a dargli problemi. Così stiamo prendendo ulteriori accorgimenti per rallentarne il decorso in quanto la sua permanenza in canile di certo non aiuta. 

Scrivo questo articolo per poter dare a Sebastian la possibilità di riprendersi a pieno e avere un futuro da vivere al meglio, perché è un cane stupendo e nonostante la sfortuna affronta la vita con immensa gioia trascinando tutti quanti nel suo vortice di "pazzia". 

Vorrei davvero tanto "regalargli" una famiglia e una casa. In accordo con il responsabile della struttura, i veterinari e gli operatori stiamo cercando di stabilire un piano che possa permettere a Sebastian di essere operato, ma per far sì che questo accada serve l'aiuto di tutti voi. Cosa prioritaria è trovare uno stallo casalingo perché tutti gli accorgimenti e le precauzioni che stiamo prendendo da mesi non bastano, e lui ha assolutamente bisogno di stare in una casa al caldo e all’asciutto, specialmente in fase post operatoria che sarebbe impossibile da gestire in canile. 

Abbiamo già consultato diversi veterinari ortopedici e la soluzione per Sebastian sarebbe appunto l'intervento: lanciamo quindi un appello anche a tutti i veterinari che ci volessero aiutare venendoci incontro sulle spese, almeno per operare l'anca che sta cedendo. Insomma aiutateci ad aiutare Sebastian, un cane davvero speciale. Grazie a tutti quelli che ci aiuteranno anche solamente per aver letto questo articolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento