rotate-mobile
Tenta il bis / Ponte dell'Olio

Chiesa si ricandida a Pontedellolio: «La voglia di fare è quella del primo giorno»

Il sindaco ci riprova: «Siamo soddisfatti del mandato, tutti gli amministratori uscenti proseguono, ora giudicheranno i pontolliesi. Riqualificheremo la discarica di Torrano e attenzione massima per strade, decoro e verde. Giusta l’ordinanza anti-bivacco»

«La passione e la voglia di fare sono rimaste quelle del primo giorno. Siamo molto soddisfatti e orgogliosi di aver realizzato la quasi totalità del programma quinquennale. Ora ci faremo giudicare con umiltà dai pontolliesi per quanto fatto, rilanciando con un nuovo progetto per i prossimi cinque anni». Alessandro Chiesa, sindaco uscente di Pontedellolio, si ricandida per un secondo mandato. Le elezioni si terranno il prossimo 9 giugno. 

«Arriviamo alle elezioni - prosegue il 28enne Chiesa, a capo di una lista civica (cinque anni fa si chiamò “Pontolliesi per Ponte”), più vicina al centrodestra - con serenità. Siamo consapevoli di aver dato il massimo, anche in tempi difficili come quelli del Covid e della crisi energetica. Ora ci sottoponiamo al giudizio degli elettori volentieri, sperando di avere la loro fiducia per sviluppare insieme il nostro paese negli anni a venire».

  • Sindaco, ci dobbiamo aspettare una lista piena di conferme?

Squadra che vince non si cambia. Tutti quelli che oggi sono con me in Giunta e in Consiglio hanno voglia di proseguire e far parte del gruppo e della sfida. Ci sarà anche qualche fisiologico nuovo ingresso, figure di età diverse ben inserite nella comunità pontolliese, che daranno il loro contributo.

  • Il tratto distintivo della vostra Amministrazione?

Sicuramente il tema del territorio e dell’ambiente ha avuto la priorità. Ora vogliamo andare avanti con la manutenzione delle strade. C’è ancora molto lavoro da fare per strade, verde, cura, decoro urbano. Investiremo sulla bellezza della nostra comunità.

  • Cosa troveremo nel programma elettorale di particolare?

Una grande opera che sarà collegata alla nascente comunità energetica è quella di ridare valore alla discarica di Cà del Montano (Torrano), valutando la fattibilità di un grosso impianto di produzione fotovoltaica.

  • Se dovesse sottolineare gli interventi principali del mandato?

Sono state tutte importanti le cose fatte, ma sono particolarmente soddisfatto dell’ingente piano di manutenzione delle strade, della sostituzione di tutta l’illuminazione pubblica a Led e del completamento del palazzetto dello sport. Anzi, del completamento, efficientamento ed affidamento del palazzetto, che era in ballo da 7 anni. Infine, rimarco l’aumento dei posti all’asilo nido.

Non credo che ci sia un problema generale dei giovani pontolliesi, la maggior parte sono ragazzi per bene, che danno una mano al paese. C’è però qualche caso emergenziale, analisi condivisa con le forze dell’ordine, per il quale occorre fare prevenzione e dare un segnale.

  • Di quali problemi ed episodi stiamo parlando?

Dunque, il fenomeno del vandalismo purtroppo c’è sempre stato. Ultimamente si è evidenziata una molto probabile attività di vendita di stupefacenti, e non mi riferisco solo alle droghe leggere. Per questo abbiamo preso di polso la situazione con l’ordinanza.

  • Qualcuno pensa che la sua ordinanza sia esagerata.

Non è esagerata, tutto ha una gradualità, era il provvedimento corretto, ed è di carattere temporaneo. Sono già state messe in campo delle azioni per revocare il prima possibile l’ordinanza, che serve per tutelare i beni pubblici, Fornaci e Fontanazzo in primis, visto che hanno un certo pregio culturale. L’ordinanza è proporzionata rispetto alle esigenze della situazione.

  • Il paese come ha accolto questa sua iniziativa?

Il tema della fruizione di alcuni spazi pubblici era particolarmente sentito. Gli atti vandalici, gli schiamazzi notturni e gli episodi di maleducazione hanno purtroppo sempre caratterizzato alcuni luoghi del capoluogo che vogliamo tutelare. Parlando con gli abitanti abbiamo raccolto le loro istanze. Per noi era il momento di dare un segnale, questi episodi non si possono più tollerare. Mi pare che i cittadini abbiano colto il senso della nostra azione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesa si ricandida a Pontedellolio: «La voglia di fare è quella del primo giorno»

IlPiacenza è in caricamento