Attualità

«Altri soldi alle scuole private piacentine, questa volta “piovono” oltre 2 milioni»

L'intervento della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza:« Mentre la scuola pubblica è quasi abbandonata a sé stessa, lo Stato continua a devolvere valanghe di soldi dei contribuenti ai privati che hanno aperto scuole sul territorio»

«Un recente provvedimento dell'Ufficio Scolastico territoriale di Parma e Piacenza, in applicazione di una legge nazionale, ha stanziato a fondo perduto altri 2 milioni 102mila 183 euro per i proprietari delle scuole private piacentine, come se non bastasse la pioggia di soldi che hanno ricevuto nei mesi scorsi. Tutto questo mentre per le Scuole pubbliche sono piene di “classi pollaio”». Ad intervenire con una nota stampa la Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza.

 «“L’organico covid” che era stato annunciato per compensare i tagli degli anni scorsi per far fronte all’emergenza pandemica in corso in molti casi rimane solo sulla carta, gli uffici hanno problemi tecnici, dovuti all'inefficienza ministeriale, a poter espletare le operazioni di assunzione. Per la Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza ciò è una vergogna: mentre la scuola pubblica è quasi abbandonata a sé stessa, mentre i suoi docenti percepiscono paghe miserevoli tanto che risulta difficile in alcuni casi trovare persone disponibili, lo Stato continua a devolvere valanghe di soldi dei contribuenti ai privati che hanno aperto scuole sul territorio». «Per l'ennesima volta – dichiara Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda di Parma e Piacenza - siamo orgogliosamente gli unici, come sempre, a rompere il muro di silenzio rispetto a questa macroscopica offesa al comune senso del pudore, regalare quattrini a valanga togliendoli alla Scuola statale è semplicemente uno schifo».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Altri soldi alle scuole private piacentine, questa volta “piovono” oltre 2 milioni»

IlPiacenza è in caricamento