"Amore mio come sei cambiato. Innamoramento e amore 40 anni dopo", il nuovo libro di Alberoni e Cattaneo

Il volume, pubblicato quarant’anni dopo il bestseller di Alberoni “Innamoramento e amore” (1979), descrive le problematiche delle relazioni di coppia nel mondo contemporaneo, instabile sia dal punto di vista sociale, sia politico ed economico

Alberoni, Cattaneo e Mistraletti

È uscito il 13 febbraio nelle librerie il nuovo saggio "Amore mio come sei cambiato. Innamoramento e amore 40 anni dopo" (Piemme, 2019, pp.315, euro 17.50), scritto a quattro mani dal piacentino Francesco Alberoni, sociologo esperto dei movimenti collettivi e dei sentimenti umani,  e dalla psicologa pavese Cristina Cattaneo. Il volume, pubblicato quarant’anni dopo il bestseller di Alberoni “Innamoramento e amore” (1979), descrive le problematiche delle relazioni di coppia nel mondo contemporaneo, instabile sia dal punto di vista sociale, sia politico ed economico. Il libro “di giornata” - ma ricco dell’esperienza di 40 anni, è una ricerca stimolante, non solo letteraria, che potrebbe suggerire risposte ad alcuni problemi del nostro tempo -  è stato presentato presso la galleria Milano Art Gallery di via Ampere 102, che espone quadri di vari autori inerenti al tema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DSC_9250 (1)-2All’anteprima erano presenti diversi medici piacentini, tra loro Carlo Mistraletti Della Lucia che di Alberoni è amico da una vita, tra Piacenza, Milano, Firenze e la Versilia, tant’è che  nei prossimi giorni  parleranno di  tante “avventure” scientifiche, culturali, televisive e mondane, nonché delle presentazioni-dibattito  in diverse località italiane. Alberoni, hanno ricordato il cardiologo Angelo Marches i e l’anestesista Pietro Grugni, compagno di studi di Alberoni in America sessant’anni fa, era stato molto apprezzato in gioventù sia dai celebri fisiologi milanesi-pavesi Margaria e De Caro sia dal grande Agostino Gemelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento