rotate-mobile
Le segnalazioni

Anche a Piacenza limiti a scorte di pasta e farina, tra “max 4 pezzi” e scaffali semivuoti

Diverse le catene della grande distribuzione con punti vendita in città e provincia che hanno messo un tetto massimo per l’acquisto di alcuni prodotti

Anche a Piacenza limiti a scorte di pasta e farina, tra “massimo 4 pezzi” e scaffali semivuoti. Immagini, scattate e inviate da due lettori, che testimoniano come certi timori legati ai consumi, stiano attraversando anche il nostro territorio.

Diverse le catene della grande distribuzione, con punti vendita in città e provincia, che avvisano i clienti di un tetto massimo per l’acquisto di alcuni prodotti, come olio di semi, pasta e farina. In altri gli scaffali dei beni di necessità appaiono più spogli del consueto, vuoi per la maggiore richiesta, vuoi per la scelta di contenere l'acquisto di massa con un rifornimento meno incalzante.

                          scaffali vuoti-5

Vendite contingentate, in corso da diversi giorni, scattate dopo la corsa ai beni di prima necessità avvenuta in altre città. Un impulso - già osservato due anni fa, nei primi giorni della pandemia - alimentato dalla paura della mancanza di approvvigionamento, dell'inflazione per la guerra in Ucraina, o di ulteriori rincari, dopo quelli già avvertiti per bollette e carburanti

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche a Piacenza limiti a scorte di pasta e farina, tra “max 4 pezzi” e scaffali semivuoti

IlPiacenza è in caricamento