rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Il sopralluogo / Nibbiano

Anche il vescovo Cevolotto ha assistito al collaudo della diga

Sopralluogo in Valtidone alla diga del Molato per il vescovo

Alla diga del Molato (Alta Val Tidone) prosegue la procedura di collaudo dell’opera e continuano le visite sia da parte delle istituzioni piacentine, regionali e ministeriali sia da parte dei cittadini. Nei giorni scorsi in visita alla diga anche il vescovo della Diocesi di Piacenza-Bobbio, monsignor Adriano Cevolotto, accompagnato dal direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi Manuel Ferrari e dal responsabile dell’ufficio tecnico della Curia Carlo Baldini. Ad accoglierli il presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza Luigi Bisi insieme al vicepresidente Stefano Riva, agli amministratori Giampiero Silva e Filippo Gasparini, al direttore generale Pierangelo Carbone, al direttore d’area amministrativa Carlo Marchetta e ai tecnici e ai guardiani della diga.

La visita ha riguardato l’intera opera nelle sue varie parti, sia quelle aperte al pubblico come il coronamento (camminamento), sia quelle accessibili solo accompagnati dai tecnici del Consorzio come gli scarichi di mezzo fondo, ausiliario e di superficie e le voltine.

LA PROCEDURA DI COLLAUDO

La procedura di collaudo, iniziata lunedì 18 marzo, prevede il completo riempimento dell’invaso della diga del Molato passando dalla attuale quota idrica autorizzata di 353,70 metri sul livello del mare (pari a un volume di circa 7,6 milioni di metri cubi d’acqua) a 354,40 metri sul livello del mare (pari a circa 8,06 milioni di metri cubi).

PERCHE’ SI STA COLLAUDANDO NUOVAMENTE LA DIGA DEL MOLATO?

Il motivo per cui la diga necessita di un secondo collaudo, dopo quello effettuato quasi cento anni fa, ovvero dopo la sua entrata in funzione, è la certificazione dell’opera a seguito di importanti manutenzioni straordinarie effettuate negli ultimi decenni. Questo non deve trarre in inganno perché, dalla fine degli anni ’20 ad oggi, i controlli dell’opera sono stati costanti per mantenere la diga sicura ed efficiente: alcuni sono giornalieri, altri mensili, altri semestrali. A questi ultimi seguono anche visite da parte dei tecnici del Ministero delle Infrastrutture. Costanti sono state anche le manutenzioni ordinarie dell’opera.

LE FUNZIONI DELLA DIGA

La diga del Molato è un elemento fondamentale per la conservazione e la distribuzione della risorsa per il settore agricolo e agroalimentare che è il primo beneficiario dell’acqua immagazzinata ogni anno dall’autunno alla primavera per essere utilizzata in estate a fini irrigui. Ed è poi un’opera importante per la produzione di energia idroelettrica e in generale per lo sviluppo delle condizioni socio economiche dell’ambito territoriale e per la valorizzazione turistica dell’intera vallata. La diga del Molato è un buon esempio di riscatto per il territorio di valle a cui è consentita un’agricoltura fiorente il cui sviluppo, senza l’apporto della diga stessa, non sarebbe stato possibile.

APPROFONDIMENTO SULLA STRUTTURA DELLA DIGA DEL MOLATO

La diga del Molato ha un’architettura a volte sostenute da contrafforti (n. 17 voltine ad interasse di 10 m inclinate di 45° verso monte) con due parti laterali a gravità massiccia in calcestruzzo. Fortemente distintiva la facciata verso valle, caratterizzata da una sequenza di immensi vuoti, interrotti da archi in successione che la fa risultare altamente monumentale, ma mai eccessiva. La diga si inserisce nel contesto vallivo con grande armonia e naturalezza, quasi fosse un’appendice spontanea delle cime appenniniche che la ospitano. La diga del Molato, interamente in calcestruzzo armato, è alta 55 metri rispetto al piano di fondazione, lunga 180 metri sul fronte e il coronamento superiore misura 322 metri comprendendo le strutture laterali che risvoltano dal fronte verso i fianchi. Il bacino è lungo due chilometri e mezzo e per un tratto penetra nel territorio pavese di Zavattarello (provincia di Pavia). Gli organi di scarico della diga del Molato sono: uno scarico di superficie in corpo diga (con tre soglie di sfioro libero), uno scarico di superficie ausiliario in sponda destra, uno scarico di mezzofondo anch’esso in sponda destra e uno scarico di fondo (con due condotte in acciaio).

APPRONDIMENTO STORICO DELLA DIGA DEL MOLATO

L’opera fu progettata dall’ing. Augusto Ballerio lungo il torrente Tidone ai piedi del Monte Bissolo, a circa 250 metri a monte della confluenza del Rio Molato. Il Direttore tecnico dei lavori fu l’ingegner Guido Comboni. I lavori incominciarono nel 1920 e nel 1923 subentrò ad imprese precedenti la Ditta Filippa di Torino. I lavori terminarono nel 1928. Nell’occasione ci fu il primo collaudo.

La Val Tidone si estende tra due gruppi di alture al confine tra le Regioni Lombardia ed Emilia Romagna, e tuttavia, da un punto di vista formale e giurisdizionale, appartiene alla provincia di Piacenza. La vallata è caratterizzata dalla presenza di numerosi corsi d’acqua, tra cui spicca, per dimensioni ed estensione, il Torrente Tidone, affluente destro del Po. Già nei primi decenni del XX secolo si era resa manifesta l’idea di realizzare un sistema di raccolta e regolazione delle acque nella Val Tidone per migliorare l’irrigazione a scopi agricoli. L’iter progettuale e realizzativo della diga del Molato fu lungo e complesso: dal momento in cui venne proposta, essa rimase un progetto astratto fino al 1912. Con l’avvento della prima guerra mondiale il progetto venne abbandonato per poi essere ripreso nel 1920, quando vennero emanate le prime leggi a favore dello sviluppo del settore delle costruzioni funzionali all’agricoltura in quanto dedicate allo stivaggio ed alla regimazione delle acque. I lavori per la realizzazione della diga terminarono nel 1928, anno in cui l’opera venne collaudata, inaugurata e messa in funzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche il vescovo Cevolotto ha assistito al collaudo della diga

IlPiacenza è in caricamento