menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tavolo in prefettura

Il tavolo in prefettura

Anche le discoteche saranno cardio protette, in arrivo cinque defibrillatori

«Il bene più grande che abbiamo sono i nostri giovani e per questo dobbiamo renderli responsabili», così il prefetto Maurizio Falco ha introdotto, insieme a Daniela Aschieri, responsabile del Progetto Vita, al sindaco Patrizia Barbieri, al questore Pietro Ostuni, al colonnello dell'Arma Michele Piras, e al direttore del Sert Antonio Mosti, le novità del Protocollo Discoteche già in vigore dal 2017 e che ora si arricchisce, e non poco, con l'installazione di cinque defibrillatori di Progetto Vita in altrettante discoteche e altrettanti info point dove i i giovani verranno formati all'uso del dispositivo salva vita. «Le discoteche sono luoghi affollati dove si fa movimento e magari se si ha una cardiopatia non diagnosticata, e si abusa di alcol o droghe, può accadere qualcosa di grave. Avere un defibrillatore a portata di mano, fa la differenza, come ampiaamente dimostrato in decine di casi. Lo strumento in sé non serve se non si forma un movimento culturale attraverso l'ascolto e la formazione dei ragazzi per farli arrivare ad una piena consapevolezza», ha dichiarato Aschieri. «Nel corso dell'anno - spiega il questore - abbiamo controllato almeno 85 locali, con 15 sospensioni temporanee, e abbiamo riscontrato una maggiore attenzione ai giovani e alle norme. E' un segnale che ci spinge a fare sempre di più per un divertimento sicuro». «Non possiamo impedire ai giovani di divertirsi, possiamo aiutarli a farlo senza farsi troppo male», ha aggiunto Mosti. I defibrillatori verranno consegnati durante i giorni della Festa del Cuore che si svolgerà in questo finesettimana. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Patate, in Appennino quelle di qualità sono di casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento