Anche Piacenza celebra la festa dell’albero. Primo appuntamento nel giardino della De Amicis per accogliere le nuove piante

Numerose le iniziative previste nelle scuole primarie cittadine, dove nei prossimi giorni si svolgeranno laboratori e attività didattiche all’aperto nei giardini dei singoli istituti, nel pieno rispetto di tutte le misure precauzionali anti Covid

Anche Piacenza celebra, come ogni anno, la Giornata nazionale dell’Albero, che ricorre il 21 novembre. Numerose le iniziative previste nelle scuole primarie cittadine, dove nei prossimi giorni si svolgeranno, in collaborazione con il Ceas Infoambiente del Comune di Piacenza, laboratori e attività didattiche all’aperto nei giardini dei singoli istituti, nel pieno rispetto di tutte le misure precauzionali anti Covid. 

Il primo appuntamento è stato alla scuola De Amicis, dove giovedì 19 novembre, a partire dalle 9, le classi sono uscite a turno nell’area verde affacciata sull’ingresso di via Inzani per accogliere, tra disegni e parole, i nuovi alberi forniti da Infoambiente: tre esemplari di Celtis Australis, a completamento dell’intervento di messa a dimora di erbe e arbusti, opportunamente scelti per promuovere la biodiversità di questo spazio e la sua resilienza ai cambiamenti climatici. L’iniziativa, che ha visto la partecipazione dell’assessore all’Ambiente Paolo Mancioppi e della dirigente scolastica Simona Favari, rientra nel più ampio progetto “Il giardino rifiorito”, candidato dalla primaria De Amicis del Quarto Circolo didattico e assegnatario di un finanziamento nell’ambito del bando “Facciamo Ecoscuola”, grazie al quale è stato riqualificato e messo in sicurezza il cortile, con l’avvio di laboratori educativi e didattici. La festa è stata occasione anche per inaugurare queste attività, accompagnando i bambini alla scoperta delle diverse specie messe a dimora nell’area verde.

Altre iniziative vedranno protagonisti, a partire da lunedì 23 novembre, gli alunni delle primarie Don Minzoni, Caduti sul Lavoro, De Gasperi, Due Giugno e Giordani, nei rispettivi giardini. La ricorrenza è occasione anche per promuovere ulteriormente la campagna regionale “Mettiamo radici per il futuro”, avviata proprio nella nostra provincia, a Bobbio, con l’obiettivo di piantare 4 milioni e mezzo di alberi in cinque anni sul territorio emiliano-romagnolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento