rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità Ferriere

"Andar per calendari", per la rassegna di almanacchi presentato "Torrio 2019"

Torrio val d’Aveto, la suggestiva frazione di Ferriere a 1060 metri sul livello del mare, ai confini con Santo Stefano d’Aveto, dimostra ancora una volta l'attaccamento degli abitanti alla propria terra e alle proprie origini anche attraverso la pubblicazione del tradizionale almanacco che mette in risalto le bellezze ambientali

Torrio val d’Aveto, la suggestiva frazione di Ferriere a 1060 metri sul livello del mare, ai confini con santo Stefano d’Aveto, dimostra ancora una volta l'attaccamento degli abitanti alla propria terra e alle proprie origini anche attraverso la pubblicazione del tradizionale almanacco che mette in risalto le bellezze ambientali dei monti che fanno da anfiteatro all’alta val Nure o che si affacciano sulla val d’Aveto.  Le pagine dei suoi dodici mesi, oltre a fornire le notizie proprie degli almanacchi, evidenziano immagini, detti, proverbi e aforismi che richiamano alla memoria frammenti di vita di un tempo che sembra antico ma che in verità non è poi molto lontano: un ricco patrimonio culturale di saggezza e di conoscenza che il calendario aiuta a tramandare di generazione in generazione.

L’edizione "Torrio 2019” le cui pagine del succedersi dei mesi sono accompagnate da fotografie di gruppi familiari, filastrocche, aforismi e detti e proverbi, si avvale del coordinamento e impaginazione grafica di Gian Carlo Peroni, della collaborazione Scuola Grafica Genovese “E. Fassicomo”, delle fotografie antiche scovate presso le famiglie di Torrio e delle fotografie nuove di amici.

Nell’ultima pagina una poesia di Lorenzo Negri dedicata alla Montagna e immagini dalle Festa in vetta al monte Crociglia che ogni anno si rinnova nella seconda domenica di agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Andar per calendari", per la rassegna di almanacchi presentato "Torrio 2019"

IlPiacenza è in caricamento