rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Attualità

Appennino, i segreti della montagna incantata nelle immagini di Luigi Ziotti

Alla "Famiglia Piasinteina" la proiezione di tre video naturalistici di Luigi Ziotti: la montagna incantata, Il lago delle rane e Nascosto nei cespugli

L’intenso programma del Comitato piacentino della Società Culturale Dante Alighieri, dopo aver proposto nelle scorse settimane cantiche della Divina Commedia con interpretazioni che hanno alternato la drammaticità dei gironi infernali, l'atmosfera caratterizzata dalla speranza del Purgatorio e la rasserenante immagine di una montagna sulla cui cima è rigogliosa la foresta dell'Eden, ha presentato nella sede della Famiglia Piasinteina, un’affascinante montagna terrena: l’appennino piacentino; in particolare l’alta val Nure con la proiezione di tre video naturalistici di Luigi Ziotti: La montagna incantata, Il lago delle rane e Nascosto nei cespugli.

Ziotti è un fotografo naturalista molto noto nella nostra provincia perché è stato uno dei pionieri nel suo campo; fin dal 1980 i suoi documentari hanno raccontato e mostrato una natura vicino a noi che non sempre riusciamo a cogliere. In circa mezzo secolo, spesso in tandem con la moglie Marisa, ha realizzato una cineteca di immagini che sanno meravigliare anche l’occhio più avvezzo a certi incanti: animali, piante, fiori, paesaggi presentati in libri, calendari e conversazioni accompagnate da immagini che stimolano la consapevolezza di quanto sia gratificante madre natura.

Il video “La montagna incantata” illustra il complesso unitario del Monte Nero che con le sue propaggini dorsali e vallive, rappresenta uno degli ambienti più naturali non solamente dell'Appennino settentrionale, ma di tutto il Paese. Il filmato documenta alcune delle tante presenze dell'area in questione. Immagini di fauna e flora che vanno oltre l'interesse riservato dirane temporarie e uova foto ziotti-2 solito alle cartoline illustrate perché danno un'idea dell'immensa dote caratterizzata da naturalità, rarità, rappresentatività e diversità ambientale del complesso unitario del Monte Nero: uno spaccato di cose belle da vedere, da capire, da meditare. Il secondo video documenta un periodo particolare dell'anno, quando migliaia di rane montane (Rana temporaria), si ritrovano nei laghetti dell'Appennino per riprodursi.

L’ultimo cortometraggio dal curioso titolo “Nascosto nei cespugli”, è il backstage delle attrezzature e degli accorgimenti utilizzati per le riprese: trasferte in camper, notti in tenda, scarponi, zaino, binocoli, marce continue alla ricerca delle rarità e per cogliere quello che l’escursionista comune non vede. Ha raccontato Ziotti: “Non bisogna muoversi avidamente sui sentieri. Facendo rumore comprometti quella tranquillità che per gli animali è sacrosanta. A volte occorrono settimane di appostamenti. Non so quanti animali ho incontrato in vita mia, non m’importa. A me interessa conoscerli. Logico che quando scatto e colgo l’attimo irripetibile, mi entusiasmo, ma se non ci riesco pazienza. La natura mi riempie di suoni, colori, odori: cerco questo. E vorrei che fosse così per tutti”.

Le immagini segnalano anche le specie a rischio estinzione come il falco di palude, il tarabuso, lo svasso (uccello acquatico) che nidificano nei canneti, ma sono in pericolo, perché i canneti stanno scomparendo; l’allocco che fatica a trovare rifugio, perché fa la tana nei buchi dei tronchi che però vengono sistematicamente abbattuti.

Le proiezioni seguite con partecipata attenzione dall’affollata platea hanno offerto occasione di notevole valenza culturale; un compendio di cose belle da vedere come dimostrano le immagini, tutte firmate Luigi Ziotti, che accompagnano queste nostre righe.

L'incontro è poi proseguito con alcune letture di vari brani poetici con varie letture da parte di Roberto Laurenzano di Autori celebri sia di fama e sia di "contenuto poetico", italiani e stranieri del secolo XIX e XX , fra cui alcuni più strettamente contemporanei, tutte richiamanti collegate al  tema della "Natura.

PROSSIMI APPUNTAMENTI DELLA DANTE ALIGHIERI
Giovedì 9 dicembre ore 10,30 santa messa in Duomo in ricordo dei soci della Dante scomparsi e visita storico culturale alla Cattedrale a cura di Roberto Laurenzano.

Sabato 11 dicembre ore 17 all’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano, L’amor che move ll sole e l’altre stelle. Sogno musicale”; concerto di Patrizia Bernelich con i cori “Ensamble consonanze” di voci femminili e “Ponchielli Vertova”. Alla fisarmonica il maestro Luciano Cortellini e con Raffaella Martini soprano, Cristiano Binotto tenore, Giuseppe Tommasoni baritono.

Martedì 14 dicembre alle ore 16 all’Auditorium della Galleria Ricci Oddi, la conclusione dell’anno sociale 2021 della Dante Alighieri piacentina con la conferenza del dott. Roberto Laurenzano su "San Francesco nella visione dantesca - Il Canto XI del Paradiso".

Entrambi gli eventi sono a Ingresso libero.

Luigi Ziotti-2

Lago Nero foto Ziotti-2

dal monte nero vista del lago nero foto ziotti-2

monte e Lago Nero foto Ziotti-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appennino, i segreti della montagna incantata nelle immagini di Luigi Ziotti

IlPiacenza è in caricamento