rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Scuola / Centro Storico / Via Camillo Benso Cavour

Ascensore guasto, disabile preso in braccio dai prof. «Gravissimo, Comune intervenga»

Scuola Mazzini, Gilda Insegnanti: «Il Comune per legge deve mettere a disposizione un operatore» 

«Quanto accade in una scuola di Piacenza, la Mazzini compresa nell’istituto “Faustini-Frank-Nicolini”, è gravissimo: i professori sono costretti a prendere in braccio un ragazzo disabile a causa del guasto dell’ascensore, accollandosi anche tutte le implicazioni legali che potrebbero sorgere in caso di infortuni». Così in una nota interviene il sindacato Gilda Insegnati di Piacenza. 

«Capiamo benissimo - dice il sindacato - che esistono dei tempi tecnici per la riparazione dell’ascensore, ma non è giustificabile la mancata applicazione dell’articolo 13 comma 3 della legge 104/92 che in merito all’integrazione scolastica delle persone disabili statuisce testualmente “l'obbligo per gli enti locali di fornire l'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici o sensoriali”». 
Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, sollecita pubblicamente il Comune di Piacenza «ad agire con un provvedimento d’urgenza mettendo a disposizione un operatore che assista il ragazzo permettendogli di muoversi regolarmente all’interno dell’edificio scolastico, ciò almeno fino alla riparazione dell’ascensore. Se ciò non avvenisse saremmo di fronte ad una grave violazione di legge». 
Il rappresentante della Gilda Unams annuncia anche che «a breve l’associazione sindacale provvederà ad un monitoraggio che interesserà tutte le scuole statali piacentine e parmensi, in quanto vi è il sospetto di situazioni simili anche in altri istituti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascensore guasto, disabile preso in braccio dai prof. «Gravissimo, Comune intervenga»

IlPiacenza è in caricamento