Atletica, ad Agazzano i più grandi del triplo italiano per celebrare Giuseppe Gentile

Un bel pezzo di storia dell’atletica italiana, di ieri e di oggi, sarà presente domenica 21 ottobre nel salone dell’Albergo Il Cervo di Agazzano. L’idea è stata promossa dalla Collezione Ottavio Castellini - Biblioteca internazionale dell’atletica e dal Progetto multisport Sognando Olympia, affiancati dalla Atletica Baldini Agazzano

Giuseppe Gentile, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Messico 1968

Un bel pezzo di storia dell’atletica italiana, di ieri e di oggi, sarà presente domenica 21 ottobre nel salone dell’Albergo Il Cervo di Agazzano. Ospite primo, l’atleta per cui tutto questo è stato ideato, Giuseppe Gentile, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Messico 1968 e, in quella occasione, due volte primatista mondiale del salto triplo. Un «omaggio» a cinquanta anni da quell’evento, che vide tornare l’atletica italiana con due medaglie di bronzo: oltre a quella di Gentile, l’altra fu di Eddy Ottoz sui 110 metri ad ostacoli. Se la prima idea degli organizzatori era centrata su Gentile, la seconda è stata quella di mettere attorno a lui quanti più atleti che hanno scritto belle pagine nel salto triplo italiano. Ed ecco arrivare Fabrizio Donato, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici Londra 2012, oltre che campione europeo sia all’aperto sia in pista coperta, primatista italiano. Con lui, Paolo Camossi, campione mondiale indoor, e tanti risultati e piazzamenti. Dario Badinelli, che in carriera vinse 17 titoli italiani, e fu il primo ad sfiorare il primato di Gentile. E ancora Fabrizio Schembri, due medaglie ai Giochi del Mediterraneo (un oro e un bronzo) e secondo ai Mondiali allievi.  Nella storia del salto triplo in Italia sei atleti hanno superato la eccezionale misura di 17 metri: quattro di questi saranno presenti domenica ad Agazzano. E poi le donne. A cominciare dalla primatista italiana, unica donna oltre l’eccellenza dei 15 metri, Magdalin Martinez, medaglia di bronzo ai Campionati mondiali a Parigi nel 2003. Con lei anche Antonella Capriotti e Barbara Lah. Piacenza sarà degnamente rappresentata da un giovane su cui sono puntate tante speranze: Andrea Dallavalle, lo scorso anno medaglia d’argento ai Campionati europei juniores. Nella lista italiana delle migliori prestazioni Andrea è ottavo con 16,87. Non male per un ragazzo di diciannove anni. Anche suo fratello Lorenzo ha avuto le sue belle soddisfazioni: nel 2014 ottenne un buon piazzamento ai Mondiali juniores. Un parterre importante, dunque, animato anche da parecchi altri atleti e atlete che hanno onorato con le loro prestazioni il salto triplo. L’idea è stata promossa dalla Collezione Ottavio Castellini - Biblioteca internazionale dell’atletica e dal Progetto multisport Sognando Olympia, affiancati dalla Atletica Baldini Agazzano, per l’organizzazione logistica in loco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento