Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Auser Piacenza: “Voce ai volontari”. Al via il percorso congressuale

Lo speciale ringraziamento dell’associazione a Pietro Tagliaferri: «Esperienza che mi arricchisce»

Un percorso per dare voce ai volontari e sviluppare un volontariato sempre meglio organizzato, in favore di un invecchiamento attivo e della promozione sociale”. E’ questo l'obiettivo che Auser Piacenza, associazione di volontariato che organizza migliaia di soci e volontari e diversi circoli di promozione sociale sul territorio, si pone nel percorso congressuale che si aprirà il 1 settembre per concludersi il 28, con l’elezione del presidente. 

L’associazione che trova sede in via Musso ha visto il ritorno del presidente provinciale Luciano Guarinoni dopo una convalescenza per Covid, con il vicepresidente Pietro Tagliaferri che ha dato man forte in un momento difficile traghettando l’associazione. In questa fase, gli obiettivi di Auser sono chiari: «Il congresso – spiega in una nota l’associazione – vuole essere il viatico per espandere le attività dei volontari e dei circoli, legando sempre di più la prossimità che può vantare Auser alle attività utili per la collettività: vicinanza e aiuto ai più deboli sono le cifre distintive di Auser e verranno rafforzate dopo la “tempesta” Covid, che ancora non ci siamo lasciati alle spalle. Un congresso che darà voce ai volontari, che significherà un rinnovamento con nuovi ingressi nei direttivi e svilupperà, infine, l’aiuto che siamo in grado di dare alle comunità». «Siamo felici di adattarci al green pass per i soci che frequentano i circoli», premette il presidente Guarinoni, che spiega come l’Auser abbia ripreso l’attività nella cornice normativa attuale di contrasto alla pandemia. «Vogliamo ripartire con slancio, ma in sicurezza. A mancare sono le relazioni con le persone – dice Guarinoni –  e stiamo aspettando la definizione dei decreti attuativi della riforma del terzo settore che aprirebbe a nuovi spazi di co-progettazione con l’obiettivo di far vivere pienamente agli anziani un invecchiamento attivo e un volontariato organizzato al meglio. Auser piacenza aprirà questa fase con un congresso che darà voce ai volontari nei circoli e produrrà discussione e appartenenza, le premesse migliori per affrontare il futuro».

Il grazie a Pietro Tagliaferri 

Tagliaferri, già amministratore pubblico, “animatore” del circolo Auser di Travo, è stato un tassello fondamentale in questo 2021 di Auser, in piena pandemia, quando ha preso in mano la guida dell'organizzazione durante la convalescenza di Guarinoni. «E’ stato un periodo non semplice, il covid ha intaccato dappertutto il nostro lavoro – spiega Tagliaferri – e anche l’ordinario è diventato straordinario, ma come straordinario è il patrimonio umano e sociale di Auser sul territorio. Siamo un’associazione inclusiva in cui si parla la stessa lingua, quella solidarietà. E tutto questo mi ha aiutato a crescere, da tutti i punti di vista». A Tagliaferri, che terminerà il suo incarico il 28 settembre con il congresso provinciale, il “grazie” di Auser. Fino ad allora: voce ai volontari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auser Piacenza: “Voce ai volontari”. Al via il percorso congressuale

IlPiacenza è in caricamento