menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La videoconferenza

La videoconferenza

A novembre chirurgia programmata a Castello e alla clinica Piacenza

L’obiettivo è quello di mantenere nell’ospedale cittadino i degenti più impegnativi e di trasferire in altre strutture quelli in situazioni meno gravi. 80 nuovi posti letto Covid-19 alla Casa di Cura Privata S. Antonino e 40 nuovi posti letto di chirurgia pulita no Covid-19 alla Casa di Cura Privata Piacenza

Le cliniche "Piacenza" e "Sant’Antonio" ancora a fianco dell’Azienda Usl di Piacenza in questa nuova fase della pandemia. Nella mattinata di lunedì 26 ottobre, il direttore sanitario Ausl Guido Pedrazzini e i direttori sanitari delle case di cura, Mario Sanna e Giuseppe Civardi, hanno presentato il nuovo accordo per la messa a disposizione di posti letto Covid per la rete provinciale e la programmazione degli interventi chirurgici.

Entro la metà di novembre, con il progredire della pandemia, gli interventi saranno riprogrammati sia alla clinica Piacenza sia all’ospedale di Castelsangiovanni. L’obiettivo è quello di mantenere nell’ospedale cittadino i degenti più impegnativi - «in totale ad ora sono 10 i pazienti in terapia intensiva» - e di trasferire in altre strutture quelli in situazioni meno gravi, potendo contare su nuovi 80 posti letto alla Sant’Antonino e 40 no-Covid alla clinica Piacenza.

«Complessivamente, al momento, sono 73 i pazienti ricoverati per Covid, tutti sintomatici, con patologie più o meno importanti. Di questi, 8 sono stati trasferiti alla Sant’Antonino, in quanto in condizioni di bassa criticità» ha spiegato Pedrazzini. «Con questa organizzazione, insieme al trattamento precoce a casa dei pazienti, saremo in grado di gestire un numero crescente di malati, grazie alla collaborazione tra pubblico e privato».

«Questo è la prova di un sistema sanitario cooperante e collaborativo, che deve portare il bene dei pazienti. La scelta fatta è stata eccezionale, dividendo le due strutture in Covid (Sant'Antonino) e non Covid (clinica Piacenza), in modo da poter servire la popolazione nei vari settori della sanità. Faremo di tutto per vincere e uscire da questo maledetto virus» ha aggiunto Mario Sanna.

«I primi pazienti Covid sono già stati accolti al secondo piano della nostra stuttura - ha concluso Giuseppe Civardi - e stiamo lavorando per metterci in pre allarme in vista di un'eventuale necessità di ulteriori spostamenti, valutando percorsi per garantire sempre la massima sicurezza di tutti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento