menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autovelox di Gragnano, «Non ci sono negligenze da parte dei comandanti dell'Unione»

L’intervento di un gruppo di consiglieri dell’ Unione dei Comuni Bassa Val Trebbia e Luretta – in merito all’autovelox di Vallarsa (Gragnano)

I consiglieri dell’Unione dei Comuni della Bassa Val Trebbia e Luretta Piero Bensi, Giampaolo Maloberti, Basilio Mandas e Michela Milani, relativamente ai disservizi recentemente emersi in merito alla mancata riscossione di numerose sanzioni amministrative elevate nel 2019 a seguito di infrazioni stradali rilevate dall’autovelox di Vallarsa, facendo riferimento a quanto riferito dal presidente dell’Unione dei Comuni Bassa Val Trebbia e Luretta Raffaele Veneziani nel corso del Consiglio del 13 gennaio, precisano che gli avvisi di cui all’oggetto danno modo di evidenziare non due ma quattro possibili fattispecie di morosità:

1) Sanzioni amministrative non riscosse per invio del verbale di violazione del CdS via pec e mai acquisito dal destinatario per mancato accesso alla pec;

2) Sanzioni amministrative non riscosse per dichiarazione di mancato ricevimento del verbale di violazione del CdS da parte del destinatario;

3) Sanzioni amministrative regolarmente riscosse per invio del verbale di violazione del CdS via raccomandata a/r regolarmente ricevuto dal destinatario, che ha provveduto al pagamento ma nei casi di cui all’art. 126-bis CdS non ha provveduto a comunicare i dati personali e della patente di guida del conducente al momento della commessa violazione, originando così un avviso di mancata riscossione per omissione di comunicazione dei predetti dati;

4) Sanzioni amministrative regolarmente riscosse tramite il sistema PosteKey di Poste Italiane ma non regolarmente pervenute ovvero regolarmente registrate presso il comando di PM dell’Unione per mancata comunicazione dei versamenti dovuta ad anomalie del predetto sistema.

Nel corso del richiamato Consiglio, dopo l’intervento del Presidente la Consigliera Michela Milani è intervenuta per rappresentare di trovarsi essa stessa destinataria di un avviso per mancata riscossione di una sanzione riconducibile ad un verbale del febbraio 2019 e, avviso alla mano, diversamente da quanto riferito dal Presidente ha fatto notare come questo non riporti alcun rifermento legislativo cui ricondurre la fattispecie della mancata riscossione (mancata riscossione ex art. 142, c. 8 CdS; omissione dati del conducente ex art. 126- bis CdS), riservandosi di procedere con ulteriori verifiche».

«I consiglieri – fanno sapere - tengono a precisare infine di non ravvisare elementi di negligenza o errore tanto nell’operato del precedente comandante della Polizia Locale dell’Unione Alessandro Gambarelli quanto nell’operato dell’attuale comandante Paolo Costa, anzi intendono ringraziare entrambi per il lavoro svolto rimarcando come sia necessario rispondere alla domanda di maggior presenza di agenti sul territorio per la maggior sicurezza dei Comuni dell’Unione, più volte manifestata da parte dei cittadini ed al momento mancante di risposte concrete. In un territorio che si estende da Mandrola di Rivergaro a Boscone Cusani di Calendasco, il corpo della Polizia Municipale UCBMVAV è sicuramente sotto organico. Il presidente ha deciso di investire parecchio sia in termini economici che di risorse umane nello studio del nuovo piano del traffico. Nutriamo forti dubbi sull’efficacia espressa da questo studio rispetto alle necessità paventate dall’ unione dei cinque comuni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

social

Bonus vacanze 2021: come funziona?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento