Avis Provinciale e Servizio Trasfusionale ringraziano i donatori per l'aiuto durante i mesi della pandemia

«I donatori hanno risposto senza timore alle chiamate per garantire l’autosufficienza di sangue e plasma, nonostante le difficoltà logistiche e gestionali che hanno cambiato la vita e i percorsi lavorativi»

Avis Provinciale Piacenza e Servizio Trasfusionale di Piacenza desiderano ringraziare i donatori e le donatrici della disponibilità dimostrata in questi mesi di grande tragedia che ci ha visti tutti coinvolti. I donatori hanno risposto senza timore alle chiamate per garantire l’autosufficienza di sangue e plasma, nonostante le difficoltà logistiche e gestionali che hanno cambiato la vita e i percorsi lavorativi a noi tutti, spesso in maniera radicale. Seppur lentamente, si cerca di tornare a ritmi più “normali” ma, permanendo purtroppo ancora molte limitazioni, soprattutto a causa del distanziamento di sicurezza, è necessario razionalizzare gli accessi, in particolare, al Centro Trasfusionale di Piacenza. Anche la campagna di comunicazione regionale per la stagione estiva si presenta con un messaggio legato all’emergenza Coronavirus: #Io ti racconto che “Continuiamo a donare il sangue in sicurezza. Noi non ci fermiamo!”. Con il duplice obiettivo di promuovere le donazioni in un periodo, l’estate, in cui di sangue c’è particolarmente bisogno, e allontanare ogni dubbio legato al rischio, perché - come sempre - chi vorrà iniziare o continuare a donare potrà farlo senza paura. In sicurezza, appunto.

Al Centro Trasfusionale della città è stata predisposta una nuova griglia di prenotazioni per la donazione di sangue, per garantire l’autosufficienza di sangue ai reparti e, nel contempo, il “distanziamento di sicurezza” che ha dimostrato di poter contenere efficacemente il propagarsi dell’infezione da Coronavirus.

A partire da lunedì 29 giugno, nel Servizio Trasfusionale di Piacenza, saranno riservati  4 posti per la donazione di sangue intero ogni mezz'ora (alle ore 8-8:30-9-9:30-10-10:30). Ciò consentirà di mantenere le attuali 24 donazioni al giorno di sangue, limitando il numero delle persone in attesa, e l’attesa pre-donazione.

Per quanto riguarda la donazione di plasma, che  riveste  un ruolo fondamentale nella cura di molte patologie croniche anche rare, rimangono invariati i posti prenotabili giornalmente che, in virtù di un progetto di potenziamento regionale per la raccolta di plasma, da metà dicembre 2019, erano già stati aumentati.

Sempre a partire da lunedì 29 giugno, saranno raddoppiati i posti disponibili per le visite di idoneità degli aspiranti donatori e per le riammissioni dei donatori inattivi da più di due anni: saranno infatti prenotabili due visite alle 10:30, oltre alle consuete due visite delle 9:30.

Con la disponibilità di questi ulteriori posti si cercherà di ridurre l’attesa degli aspiranti donatori che hanno contattato Avis in questi mesi, sensibilizzati dalle campagne informative locali e nazionali sull'importanza della donazione.

Alcuni dati di questi primi 5 mesi del 2020, nonostante l’epidemia in corso:

- visite di idoneità:  450, +3,6% rispetto al 2019;

- raccolta di sangue intero:  5.181 unità, riduzione del 5% rispetto al 2019, ma l'autosufficienza è stata sempre mantenuta. La chiamata ai donatori è stata infatti modulata sulle esigenze trasfusionali che, al culmine dell'epidemia, hanno visto un blocco totale dell'attività medico-chirurgica programmata, con una riduzione del consumo di sangue;

- nel mese di maggio la donazione di sangue intero ha avuto, tuttavia, un incremento del 14% rispetto allo stesso mese del 2019, perché i  donatori hanno risposto prontamente alle chiamate per la riapertura dell’attività chirurgica;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- raccolta in aferesi (plasmaferesi e raccolta multicomponent):  950 unità, con un sensibile incremento del +19% rispetto allo stesso periodo del 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento