menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«C’è il rischio che la didattica a distanza continui, con pesanti riduzioni all’organico»

La preoccupazione della Flc Cgil: «Anche a Piacenza c’è il rischio di aprire con ritardo le scuole. Il comune capoluogo e la Provincia supportino le richieste di spazi delle scuole»

«La scuola deve ripartire in presenza, per tutte e tutti, ma a causa dei ritardi enormi e dell’incertezza sulle risorse, ci troviamo davanti a rischio concreto che a settembre la scuola riapra in molti, troppi contesti, con la didattica a distanza e con pesanti riduzioni di orario».  Così Giovanni Zavattoni, segretario generale provinciale della FLC CGIL di Piacenza, commenta lo “stato dell’arte” del confronto provinciale sul nuovo anno scolastico tra istituzioni e parti sociali. «Come avvenuto a livello nazionale, dove le organizzazioni sindacali hanno chiesto al Governo di fare di più, e più in fretta; anche a livello territoriale, in linea con le linee guida ministeriali che auspicano patti territoriali, le Giovanni Zavattoni-3organizzazioni sindacali hanno chiesto la costituzione di un tavolo per la ripartenza. Il ritardo ormai è sotto gli occhi di tutti: nessuna polemica strumentale - sottolinea il dirigente sindacale - ma solo la constatazione dei fatti e dei problemi concreti da affrontare».


Secondo Zavattoni, «c'è un tema centrale: le risorse finanziarie messe a disposizione per il sistema di Istruzione. Ad ora, non è chiaro se il miliardo aggiuntivo annunciato dalla Ministra Azzolina ci sia o meno. Se a settembre vogliamo ripartire con la scuola in presenza per tutti bisogna fare di più, con maggiore chiarezza, con più coordinamento e più impegno, e noi siamo pronti a fare la nostra parte». È «ora di invertire la rotta», sottolinea Zavattoni.

Dal livello nazionale a quello locale, «le scelte politiche sulla scuola devono essere diverse», secondo Flc. «O si decide di investire sulla conoscenza, o si deve dire la verità agli addetti ai lavori e alle famiglie. Bisogna dire chiaramente alle scuole se avranno a disposizione un organico aggiuntivo, di quale consistenza, e quando sarà disponibile. Si devono supportare maggiormente i dirigenti scolastici che sono alla disperata ricerca di spazi. E qui subentrano il Comune e la Provincia di Piacenza che devono e possono supportare. Si deve affrontare il tema della refezione: la mensa è parte integrante del tempo scuola. Si riaprono i ristoranti e sarebbe incomprensibile se non si aprissero le mense scolastiche nelle quali sono impiegati migliaia di lavoratori che oggi sono per di più privi di ammortizzatori», conclude Zavattoni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento