menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caregiver e conviventi degli "estremamente vulnerabili": al via le prenotazioni del vaccino

Dal 23 marzo saranno prenotabili, con vaccino a vettore virale, esclusivamente agli sportelli CUP aziendali (quindi non in farmacia, non nei comuni e nemmeno al Cuptel) i conviventi e caregiver di alcune categorie di persone individuate come estremamente vulnerabili. Ecco i dettagli

Dal 23 marzo saranno prenotabili, con vaccino a vettore virale, esclusivamente agli sportelli CUP aziendali (quindi non in farmacia, non nei comuni e nemmeno al Cuptel) i conviventi e caregiver di alcune categorie di persone individuate come estremamente vulnerabili. Ecco i dettagli

CONVIVENTI DI ALCUNE CATEGORIE DI PAZIENTI ESTREMAMENTE VULNERABILI

Secondo le nuove direttive regionali, sono ammessi alla vaccinazione i conviventi delle seguenti categorie di pazienti:
- in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive
- con grave compromissione polmonare o marcata immunodeficienza
- con immunodepressione secondaria a trattamento terapeutico
- oncologici e onco-ematologici in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure
- in lista d’attesa o trapiantati di organo solido
- pazienti in attesa o sottoposti a trapianto (sia autologo sia allogenico) di cellule staminali emopoietiche (CSE) dopo i 3 mesi e fino a un anno, quando viene generalmente sospesa la terapia immunosoppressiva
- pazienti trapiantati di CSE anche dopo il primo anno, nel caso che abbiano sviluppato una malattia del trapianto contro l’ospite cronica, in terapia immunosoppressiva

Gli aventi diritto dovranno presentarsi allo sportello Cup:

1. con la lettera inviata dall’Azienda Usl che individua la persona “estremamente vulnerabile”. Nel caso in cui il paziente sia stato prenotato dal medico di famiglia, l’operatore di sportello provvederà alle opportune verifiche del caso.
2. I componenti della famiglia per i quali si richiede la vaccinazione dovranno autocertificare di essere inclusi nello stato di famiglia del Comune di residenza.
Il modulo di autocertificazione sarà disponibile agli sportelli e scaricabile qui https://www.covidpiacenza.it/vaccinazione-contro-il-covid-a-piacenza/ .
Dopo opportuna verifica, il modello sarà timbrato dall’operatore dello sportello.

CONVIVENTI E CAREGIVER DI DISABILI GRAVI

Sono inoltre ammessi alla vaccinazione i conviventi e i caregiver che forniscono assistenza continuativa in forma gratuita o a contratto ai disabili gravi (disabilità fisica, sensoriale, intellettiva, psichica) individuate ai sensi della legge 104/1992, art. 3 comma 3.
Questa condizione deve essere autocertificata con l’indicazione del nome della persona assistita. Il modulo è disponibile agli sportelli e scaricabile suo sito https://www.covidpiacenza.it/vaccinazione-contro-il-covid-a-piacenza/
Dopo opportuna verifica, il modello sarà timbrato dall’operatore dello sportello.
Non è necessario il requisito della convivenza.

Le autocertificazioni compilate allo sportello devono essere conservate da chi si prenota e consegnate all’atto della vaccinazione.

Altre novità riguardano i conviventi degli under 16 estremamente vulnerabili e il personale della scuola e dell’università. Ecco i dettagli.

CONVIVENTI UNDER 16 ESTREMAMENTE VULNERABILI

Nei prossimi giorni i conviventi degli under16 estremamente vulnerabili riceveranno una lettera da parte dell’Azienda Usl di Piacenza. La comunicazione è stata inviata a 900 famiglie.
Il piano vaccinale assegna al nucleo familiare la priorità di vaccinazione per tutti i componenti che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, con vaccino con tecnologia a vettore virale, e compiuto il sedicesimo anno di età fino al diciottesimo anno con tecnologia a mRNA. Il nucleo familiare include le persone conviventi nella stessa casa e legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, tutela o affettivo, così come risultanti dallo stato di famiglia rilasciato dal Comune di residenza. I conviventi potranno prenotare la vaccinazione seguendo le istruzioni descritte nella lettera.
Al momento della prenotazione occorre segnalare all’operatore l’appartenenza del nucleo familiare alla categoria dei soggetti con diritto di priorità alla vaccinazione e tenere a disposizione la tessera sanitaria di ognuna delle persone interessate. Il giorno dell’appuntamento tutti i conviventi dovranno documentare l’appartenenza allo stesso nucleo familiare come da stato di famiglia, compilando l’autocertificazione scaricabile dal sito www.covidpiacenza.it

PERSONALE DELLA SCUOLA E DELL’UNIVERSITÀ, FORZE ARMATE E FORZE DELL’ORDINE: VACCINAZIONE ANCHE PER I NON RESIDENTI IN EMILIA ROMAGNA
Secondo le nuove direttive regionali, sono ammessi alla vaccinazione anche i soggetti appartenenti alle tre categorie indicate di seguito che lavorano in Emilia-Romagna ma non appartengono alla categoria degli assistiti (ovvero non sono residenti né assistiti):

• Personale docente e non docente scolastico e universitario (compresi operatori in appalto per pulizia/servizio mensa/educatori, ispettori) che operano in servizi educativi, dell’infanzia, scolastici e conservatori (statali o paritari)

• Forze Armate dell’Esercito, Aeronautica e Marina militare

• Forze dell’Ordine quali polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia municipale, Vigili del fuoco, Capitanerie di porto, Polizia penitenziaria.

Il personale scolastico e universitario può prenotare la vaccinazione secondo le consuete modalità: in farmacia, agli sportelli Cup o attraverso il numero verde 800.651.941. Per le Forze Armate e Forze dell’Ordine sono in essere contatti diretti dell’Azienda Usl di Piacenza, per una gestione delle sedute vaccinali concordata con i diversi Comandi provinciali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento