«Un Campus scolastico che guarda al futuro», pronti a partire i lavori per la riqualificazione

Castelvetro, presentati dal sindaco Luca Quintavalla e dai progettisti i lavori che entro il 2020 consentiranno a 350 studenti di usufruire di strutture più funzionali e all’avanguardia, grazie ad un ammodernamento energetico ed antisismico

La presentazione dei lavori

La riqualificazione del Campus scolastico di via Kennedy a Castelvetro diventa realtà: nel 2020 i 350 alunni della scuola elementare e media potranno usufruire di strutture più funzionali e all’avanguardia, grazie ad un ammodernamento energetico ed antisismico. I lavori prenderanno il via il prossimo 25 febbraio e sono stati presentati dal sindaco Luca Quintavalla, dall’assessore con delega alla Scuola Chiara Bruni, dal geometra del Comune Gianfranco Baronio e dai progettisti e dalla ditta che eseguirà l’intervento: Carlo Beltrami della Beltrami costruzioni (del Cremonese), i responsabili della sicurezza e del progetto architettonico, architetti Nicolò Gambino e Leonardo Bonilini; il direttore dei lavori, ingegnere Bernardo Vanelli.

Quintavalla ha espresso la sua soddisfazione «per essere riusciti ad affidare i lavori rispettando i tempi prefissati, ovvero entro il 2018». «E’ un progetto importante suddiviso in più fasi – ha aggiunto –: la prima, da un milione e settecentomila euro, consentirà di rimettere a nuovo la palestra, oltre alla sistemazione dell’edificio che ospita le classi. Una seconda fase, invece, sarà quella che ci porterà a chiudere un tratto di strada che separa la scuola dalla mensa, così da avere un vero e proprio Campus con ambienti in totale sicurezza e che guarda al futuro».

«L’entusiasmo per l’inizio del cantiere deve accompagnarci per tutta la durata dei lavori – è intervenuto l’ingegnere Vanelli -. Lavoreremo con un gruppo di professionisti che si troverà ad avere a che fare con un progetto che ha ricevuto uno dei finanziamenti più corposi da parte dello Stato». Poi è entrato nel dettaglio delle opere: «Ci sono poche strutture nuove e occorre funzionalizzare l’esistente. Fino all’inizio dell’estate gli operai si concentreranno sulla palestra: la struttura sarà oggetto di migliorie antisimiche ed energetiche con il rifacimento dell’impiantistica del rivestimento e dei serramenti. Nei mesi estivi, per non intralciare l’attività didattica, il cantiere si trasferirà all’interno delle aule, anche queste risistemate dal punto di vista energetico oltre che estetico con nuovi arredamenti; e all’esterno dell’edificio con la realizzazione di un cappotto e il potenziamento dell'impianto fotovoltaico». Durante questi mesi, gli studenti avranno a disposizione la vicina tensostruttura per le ore di educazione fisica.

«Sarebbe bello "sfruttare" il periodo dei lavori per sensibilizzare ancora di più gli studenti sui temi della sostenibilità ambientale» ha detto l’assessore Bruni che ha anche garantito la vicinanza e il dialogo con la scuola e le famiglie «per ovviare ai disagi che potrebbero crearsi». «Abbiamo pensato ad una modifica provvisoria del parcheggio per evitare le interferenze tra il cantiere e l’utenza della scuola», è intervenuto l’architetto Bonilini, mentre Beltrami ha ricordato alcune delle migliorie che verranno eseguite grazie al ribasso della gara d’appalto: una su tutte la realizzazione di due nuove tettoie di fronte ad uno degli ingressi dell’edificio.

Rendering campus scolastico scuola castelvetro-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Precipita nelle acque del Po, salvato appena in tempo

  • Travolto da un furgone mentre attraversa la Provinciale sulle strisce, grave un bambino

  • Auto avvolta dalle fiamme, conducente scende appena in tempo e si salva

  • Dopo un folle inseguimento tra la gente si scaglia contro i carabinieri: arrestato

  • «Mi aveva preso in giro: non le servivo più, poi l'ho afferrata per il collo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento