Cgil, Cisl, Uil: «Estendere le tutele previste per le zone rosse ai lavoratori piacentini»

I sindacati di Piacenza hanno inviato una nota a parlamentari e prefetto

Le segreterie di Cgil, Cisl, Uil di Piacenza hanno inviato una nota a parlamentari e prefetto in cui riferiscono che «per i lavoratori piacentini rischiano di non essere sufficienti provvedimenti che prevedano causali che facciano solo riferimento alle cosiddette "aree rosse", bensì occorrerebbe prevedere di estendere la tutela a tutte le lavoratrici e ai lavoratori colpiti dagli effetti che si stanno determinando e che vede Piacenza particolarmente esposta a tale situazione vista la sua collocazione immediatamente a ridosso delle zone oggetto dei provvedimenti della regione Lombardia. Inoltre va considerato il rischio che il solo intervento attraverso lo strumento della CIGO ordinaria rischia di escludere un’ampia platea di lavoratori non coperti da tale strumento».

Di seguito la nota:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le scriventi O.O.S.S. alla luce degli accadimenti legati al Coronavirus che stanno interessando la Provincia di Piacenza, chiedono al GOVERNO di considerare l’urgenza di inserire nell’imminente Decreto, che definirà gli ammortizzatori sociali, l’opportunità di dare la massima copertura ai lavoratori e alle lavoratrici del nostro territorio. Per i lavoratori Piacentini rischiano di non essere sufficienti provvedimenti che prevedano causali che facciano solo riferimento alle cosiddette aree Rosse, bensì occorrerebbe prevedere di estendere la tutela a tutte le lavoratrici e ai lavoratori colpiti dagli effetti che si stanno determinando e che vede Piacenza particolarmente esposta a tale situazione vista la sua collocazione immediatamente a ridosso delle zone oggetto dei provvedimenti della regione Lombardia. Inoltre va considerato il rischio che il solo intervento attraverso lo strumento della CIGO ordinaria rischia di escludere un’ampia platea di lavoratori non coperti da tale strumento. In particolare si evidenzia che molti lavoratori che sono dipendenti di aziende del nostro territorio e qui risiedono pur non essendo sottoposti ai provvedimenti di cui sopra sono stati in questi giorni e queste ora oggetto di sospensive dall’attività da parte delle imprese e che in alcuni casi hanno integralmente sospeso l’attività produttiva. Pertanto chiediamo che venga valutato ogni strumento utile ad ogni livello, prevedendo anche il ricorso a deroghe specifiche e che gli stessi trovino una continuità e le adeguate coperture visti gli sviluppi, al momento non prevedibili, della situazione in corso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Si è costituito il conducente che ha travolto e ucciso Andrea Ziotti

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Esce illeso dall'auto in fiamme ma vede in cenere la sua Dallara da 200mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento