menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ci si interroga sulla posa della prima pietra del nuovo ospedale di Piacenza

Considerazioni e osservazioni dal convegno organizzato da Società medico chirurgica, Amop e Amci

L’attuale “Guglielmo da Saliceto”, nome suggerito da Tinerario Zucconi, è la somma di quel primo Ospedale grande cittadino (1471) e della costruzione polichirurgica successiva (1985-93).  Il vero ospedale nuovo sarebbe il secondo per la nostra città, il primo risale appunto al 1471 e fu generato dalla riunione di una trentina di piccoli ospedali. L’attuale complesso ospedaliero è considerato dalla maggioranza politica e dalla dirigenza ASL ormai superato, sostanzialmente perché rigido e quindi non adeguato ai continui processi di evoluzione scientifica che esigono invece una struttura moderna e flessibile. Un intervento di riconversione dell’esistente non è ritenuto possibile e opportuno.  Se ne è parlato sabato 10 ottobre in un convegno dal titolo “Dal primo Ospedale Grande a Piacenza, a chi porrà la prima pietra del secondo”, organizzato nell’aula magna del Seminario di via Scalabrini dalla Società Medico Chirurgica Piacenza, Amop e Amci, coordinato dal dottor Carlo Mistraletti Della Lucia.  Quattro le relazioni che si sono susseguite: arch. Angelo Benzi “Urbanistica- Il nuovo ospedale fra città e campagna”; dottor Luigi Cavanna: “Territorio e Ospedale”; dottor Carlo Mistraletti Della Lucia: “Storia e Geografia (ed Ecologia) ”; dottor Giampietro Comolli: “Alimentazione e Salute (ed Economia) ”.

Nell’introduzione all’intensa mattinata si è meditato sulla biografia di due grandi clinici piacentini di fine millennio: Giuseppe Labò caposcuola della Gastroenterologia italiana (cui è stato dedicato un memorabile convegno nazionale a Pianello il 10-10-2010) e Alessandro Beretta Anguissola (Travo 1913-Fano 2002), quarant’anni fa Presidente della Società Italiana di Medicina Interna, SIMI, la più grande e antica associazione di medici, che fra pochi giorni (23-25 ottobre) celebra a Roma il 121° congresso nazionale. Fra gli insegnamenti, attualissimi, di più di 100 anni fa, è stato ricordato quello del primo presidente Guido Baccelli: Bisogna distinguere la Medicina individuale e clinica da quella sociale e politica. Per le malattie infettive occorre sempre studiare il rapporto fra il germe e l’ospite.

Il moderatore ha fornito spunti di riflessione sui drammi personali e comunitari legati alla pandemia virale in atto (distinguendo il SARS-CoV- 2 dalla sindrome COVID-19) riassumendoli con il monito invocazione, laica e religiosa: A fame, bello, peste, subitanea morte, libera nos Domine. Se per il ponte San Giorgio a Genova c’è voluto un anno, se per rifare un ponte Lenzino provvisorio ci vorranno circa sette mesi -hanno detto i relatori- si potrebbe sperare in un Ospedale civile veramente nuovo per Piacenza nel giro di tre anni!

Fra gli interventi preordinati, scritti e orali, è intervenuto Antonio Saginario per ricordare che il 10 ottobre è stata celebrata la giornata mondiale per la Salute mentale, “per tutti e ovunque” e in linea con il titolo “Nessuno Escluso” del 65° Congresso nazionale della Gerontologia e Geriatria (SIGG -Roma 2-5 dicembre 2020).

INTERVENTI E RELAZIONI

Potendo contare sulla collaborazione dei relatori forniremo una sintesi approfondita degli interventi. Iniziamo dal dottor Antonio Saginario: Lo scopo della Giornata Mondiale della Salute Mentale promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità è quello di sensibilizzare la popolazione e le autorità sui temi della psichiatria. Il tema di quest’anno è “Salute Mentale per tutti: maggiori investimenti, migliore accesso per tutti, ovunque” Ricordiamo alcuni dati:

- Quasi un miliardo di persone ha sofferto o soffre di un disturbo mentale,

- Vi sono un milione di suicidi l’anno, pari ai morti per la pandemia di Covid,

- È stato calcolato che il costo diretto e indiretto dei disturbi depressivi e ansiosi sull’economia globale ammonta a circa 1000 miliardi di dollari all’anno,

- La psichiatria è molto sotto finanziata: solo il 2% del bilancio della sanità globale e meno dell’1% nei paesi in via di sviluppo.

L’attuale pandemia Covid ha allargato i pazienti colpiti da disturbi psichici: gli esiti di trauma e disadattamento psichico nei pazienti sopravvissuti, depressione da lutto complicato nei familiari delle vittime, la diffusa patofobia per Covid tra la popolazione che teme di essere colpita.

La pandemia è stata perciò un profondo trauma psichico di massa, protratto e globale, ha però risvegliato uno spirito di mobilitazione, condivisione e collaborazione che ha superato i muri e le frontiere. L’abnegazione dei sanitari, medici e infermieri, ha salvato vite e mitigato sofferenze, ma ha anche sorretto il morale di tutta la popolazione, ricordiamo le 300 vittime tra i sanitari solo in Italia.  Come dice il detto latino, Le parole insegnano, gli esempi trascinano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Patate, in Appennino quelle di qualità sono di casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento