«Ciao nonni!», a “Diritto e Rovescio” l’incontro sul ponte di Po di una famiglia divisa tra Piacenza e Lodi

La trasmissione di Rete 4 di Paolo Del Debbio dedica la copertina alla nostra città: il conduttore intervista gli ambulanti e incontra allo stadio "Garilli" Massimo, tifoso biancorosso che ha perso il padre a causa del Covid-19. Al confine tra le due province l'incontro tra nonni e nipoti

Paolo Del Debbio

“Diritto e rovescio”, la popolare trasmissione televisiva di Retequattro, dedica la copertina a Piacenza. Il conduttore e giornalista Paolo Del Debbio ha fatto ritorno nella nostra città. Il servizio, andato in onda il 4 giugno, si è aperto con l’incontro – dopo tanti mesi – di una famiglia sul ponte di Po. Figli e nipoti abitano nel lodigiano, i nonni nel Piacentino. Il lockdown ha impedito la visita ai nonni, commossi per aver riabbracciato i nipoti. «Ciao nonni! Ci siete mancati sempre», è stato l’affettuoso saluto dei due ragazzini, contenti di aver visto riunire la famiglia. «Per chi è più anziano – ha commentato Del Debbio a riguardo – ci riporta la mente a storie vissute tanto tempo fa, per i giovani a film o romanzi, episodi di vita in cui le persone per un lungo periodo non si sono potute vedere».

Il giornalista toscano ha poi fatto un giro tra i banchi del mercato in piazza Cavalli e piazza Duomo (il servizio è stato registrato nella giornata di mercoledì). «Speravamo sempre che qualcuno venisse a trovarci – ha detto un ambulante - perché siamo stati un po’ abbandonati come Del deb-2Partite Iva. Abbiamo perso 80-90 giorni di lavoro ma siamo ancora in piedi». «La gente ha voglia di uscire, la ripresa è ottima», ha commentato invece un fruttivendolo. Più critico sulla situazione un collega. «Sto vendendo il 50% in meno rispetto all’anno scorso in questo periodo. Si torna alla normalità “adagio adagio”. Non ho mai chiesto niente allo Stato in tutta la mia vita, forse ora è venuto il momento di aiutarci però – e lo dice mostrando una foto di Enrico Mattei e Alcide De Gasperi che «uscivano da una guerra e hanno pensato prima alle famiglie» -.

Il conduttore è stato poi fermato da due donne sotto Palazzo Mercanti. «Mio figlio aspetta da tre mesi la cassa integrazione», ha detto una signora. Un sarto del centro storico ha poi donato a Del Debbio una mascherina tricolore. Toccante la chiusura del servizio. Il popolare conduttore ha incontrato allo stadio "Garilli" Massimo, che ha perso il papà per Covid-19, tifosissimo del Piacenza Calcio. Il conduttore è stato omaggiato della maglia biancorossa. «Tengo in mano la maglia di una città tanto colpita – la chiosa di Del Debbio -. È un modo mio di partecipare alla rinascita di Piacenza, che ha tanto bisogno. Forza Piacenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento