rotate-mobile
"Il giro del mondo in sala Rossa" / Raffalda / Via 24 Maggio

Concluso il corso di italiano per stranieri di Cgil e Spi: «Fondamentale tassello di cittadinanza e inclusione»

A uffici quasi chiusi, tutti i giorni, dalle ore 18 alle 20, da settembre a ieri, 31 maggio, si sono ritrovati per imparare la lingua e integrarsi così nel mondo del lavoro e nella comunità

A uffici quasi chiusi, tutti i giorni, dalle ore 18 alle 20, da settembre a ieri, 31 maggio, si sono ritrovati per imparare la nostra lingua e integrarsi così nel mondo del lavoro e nella nostra comunità. Vengono da Colombia, Venezuela, Ecuador, Perù, Santo Domingo, Ucraina, Marocco, Macedonia, Egitto, Romania, Tunisia, Senegal, Zimbawe, Senegal e Niger gli studenti che hanno ricevuto l’attestazione del corso di italiano A1 e A2 al termine del corso di italiano per stranieri organizzato per il 13esimo anno dalla Cgil di Piacenza e dal sindacato pensionati, Spi Cgil.

Donne e uomini che a leggere le origini si fa il giro del mondo e delle crisi umanitarie e delle guerre che con molta difficoltà entrano nei telegiornali: una quarantina di persone che hanno fatto lezione insieme in una piccola aula da 30 posti a sedere, intitolata a Guido Rossa, al secondo piano di via XXIV Maggio. Quando gli “orari di ufficio” terminano per gli impiegati del palazzo, ecco la sala Rossa trasformarsi da sala conferenze a una scuola. Al centro, la generosità del prof in pensione, militante Spi, Lelio Scozzi, punto di riferimento per questo genere di inclusione che ormai da 13 anni la Cgil e Spi mettono in campo. Quella conclusa ieri è la prima tornata post pandemia. Nel 2021 e buona parte del 2022, infatti, il corso si era fermato mentre ieri un altro ciclo è giunto al termine. Dalle mani della segretaria confederale Stefania Pisaroni e dal segretario organizzativo dello Spi Cgil, Fausto Modenesi, studenti e studentesse (dai 21 ai 63 anni) hanno ricevuto l’agognato attestato. Molta emozione sui volti degli studenti, e foto di rito con diploma in bella vista sulla scalinata d’ingresso della Cgil. 

«Per noi è un tassello fondamentale di inclusione e di conoscenza dei propri diritti. Ci fa piacere – ha detto Pisaroni – il gruppo eterogeneo che si è formato quest’anno, con donne e uomini dalle storie differenti ma accomunati da un desiderio di cittadinanza e di inclusione. E su questo fronte la Cgil ha fatto e sempre farà la sua parte». Un corso completamente gratuito, che con il passaparola ha permesso a centinaia di persone di imparare l’italiano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concluso il corso di italiano per stranieri di Cgil e Spi: «Fondamentale tassello di cittadinanza e inclusione»

IlPiacenza è in caricamento