menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Congresso della famiglia, lasciare la libertà di scelta alla donna»

Il Comitato Difendiamo i nostri figli sarà alla tre giorni di Verona. «Tanta ignoranza e notizie false intorno a questo tema, non siamo né omofobi né retrogradi. Vogliamo solo sostenere la famiglia e combattere l’inverno demografico in Italia». Preoccupano le minacce degli antagonisti

«Intorno a questo evento c’è molta ignoranza. Eppure si tratta di argomenti urgenti per l’Italia di oggi. Il ministro Di Maio ci ha dato degli sfigati e pure Conte ci ha criticati togliendo il patrocinio. Siamo stati accusati di omofobia, di essere retrogradi e di avere concezioni medievali. Addirittura, alcune frange di antagonisti hanno minacciato alcuni albergatori di non ospitaci». Il Comitato “Difendiamo i nostri figli”, nonostante tutto, parteciperà al Congresso internazionale della famiglia, che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo e che terminerà con una grande marcia della famiglia, con persone provenienti da tutto il mondo. A presentare l’appuntamento, sono stati Andrea Fenucci e Gabriele Borgoni, del comitato Difendiamo i nostri figli e referenti del Family day di Piacenza. Presente anche Massimo Polledri, ex assessore comunale alla famiglia, che sarà anche lui a Verona.

Gabriele Borgoni Andrea Fenucci-2Il clima che si è creato intorno alla tre giorni non è dei migliori e anzi è preoccupante: «Sinceramente un po’ di paura ce l’ho, dopo che ho letto che gli antagonisti italiani pagano il biglietto a quelli europei per essere a Verona». Chi teme chissà quali ripercussioni culturali resterà deluso: «Mia moglie, dirigente medico, parteciperà e a casa fa la pasta». Una sottile ironia per far capire il contrario di ciò che viene propagandato in questi giorni da chi parla di diritti negati delle donne, omofobia, ritorno al passato: «Di certo ci saranno donne ingegnere, magistrato, come pure operaie e impiegate». La crisi della famiglia «e l’inverno demografico che affligge le nostre città e chiaro che ci sono forze contrarie alla famiglia naturale che si rendono palesi quando la famiglia viene promossa e sostenuta. Voler togliere valore alla famiglia è un fatto culturale. Certo, c’è anche un versante economico. Purtroppo come accaduto da decenni dalla politica abbiamo avuto tante promesse, poche quelle realizzate».

Borgni sottolinea le «tante fake news diffuse e gli attacchi alla tre giorni. Noi diciamo: aspettate di sentire ciò che diremo prima di criticare». All’evento, comunque, hanno dato il patrocinio il ministero della Famiglia, con il titolare Lorenzo Fontana, e le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia. Saranno presenti Igor Dodon, presidente Moldavo, Lorenzo Fontana, ministro per la Famiglia e la Disabilità, il vice presidente del Consiglio, Matteo Salvini, Katalin Novak, ministro per la Famiglia ungherese, Ignazio Giuseppe III, Patriarca della Chiesa Cattolica sira, Theresa Okafor, presidente Foundation for African Cultural Heritage. Fenucci ha toccato anche il tasto dei finanziatori, anche questi attaccati dalla propaganda anti life: Citizen Go di Filippo Savarese, Pro Vita di Toni Brandi e Generazione Famiglia di Jacopo Coghe. «La vera libertà - concludono Fenucci e Borgoni - è la libertà di scelta, la libertà dalla necessità economica: le madri che vogliono lavorare devono essere libere di poterlo fare, ma quelle che volessero fare le madri a tempo pieno dovrebbero essere altrettanto libere di farlo, nessuno dovrebbe arrogarsi il diritto di dire quale si lil modo migliore di essere madre».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino, a Piacenza in arrivo quasi 54mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento