rotate-mobile
Dimissioni

Bonifica, Veneziani si dimette: «Auguro al Consorzio chiarezza negli obiettivi e linearità di azione»

Dopo sei mesi di proficua collaborazione, coincisi con un periodo di crisi idrica con pochissimi precedenti, si separano le strade del Consorzio di Bonifica di Piacenza e di Raffaele Veneziani che è stato direttore generale

Dopo sei mesi di proficua collaborazione, coincisi con un periodo di crisi idrica con pochissimi precedenti, si separano le strade del Consorzio di Bonifica di Piacenza e di Raffaele Veneziani, chiamato dallo scorso aprile a ricoprire il ruolo di Direttore Generale dopo una decennale esperienza come amministratore pubblico. È stato lo stesso Veneziani a comunicare al Comitato Amministrativo la propria intenzione di non proseguire nell’incarico, decisione della quale l’ente ha preso atto.

«Prendiamo atto della scelta del direttore Veneziani, – afferma il presidente Luigi Bisi – lo ringraziamo per il lavoro svolto in questi mesi caratterizzati da una estrema complessità e gli auguriamo il meglio per le sfide personali e professionali che lo attendono, certi che le sue competenze possano essere molto utili nei diversi ambiti in cui vorrà metterle a frutto». «Si apre ora  - spiega - per il Consorzio una nuova fase di ulteriore riorganizzazione interna in vista delle pressanti sfide che si prospettano nel futuro, a cominciare dalla crisi energetica e dall’elevato numero di progetti e finanziamenti che sono ora in cantiere ed in previsione nel breve e medio termine. Saremo da subito impegnati per la ricostituzione del vertice operativo dell’ente per assicurare la continuità dell’attività del Consorzio in questa fase caratterizzata da grande dinamicità».

«In questi mesi ho vissuto una esperienza straordinariamente arricchente dal punto di vista umano e professionale, toccando con mano le grandi competenze del personale interno che vi opera – interviene Veneziani - il Consorzio con l’attività irrigua sostiene in modo determinate la filiera agroalimentare e con le attività di bonifica e gestione del territorio garantisce sicurezza idraulica e tutela delle zone montane. Per il prossimo futuro auguro al Consorzio chiarezza negli obiettivi e linearità di azione, i tempi sono difficili e serve piena sintonia tra i vari livelli di governo dell’ente al fine di condurre il Consorzio a quella centralità nel panorama piacentino che merita per l’importanza delle funzioni svolte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica, Veneziani si dimette: «Auguro al Consorzio chiarezza negli obiettivi e linearità di azione»

IlPiacenza è in caricamento