rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
I contributi

Conciliazione vita-lavoro, al via le domande di contributo per la frequenza dei centri estivi

Fino al 31 maggio le famiglie interessate potranno presentare on line la domanda di contributo, per abbattere il costo della retta di frequenza dei figli a uno dei centri estivi

E’ consultabile sul sito www.comune.piacenza.it, con evidenza in home page, la sezione web dedicata al progetto “Conciliazione vita-lavoro”, promosso e finanziato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito del Fondo sociale europeo. E sino al 31 maggio (entro le ore 12) le famiglie interessate potranno presentare on line la domanda di contributo, per abbattere il costo della retta di frequenza dei figli a uno dei centri estivi che hanno aderito nella nostra città, il cui elenco è consultabile nella stessa pagina.

L’iniziativa si rivolge alle famiglie residenti a Piacenza con Isee fino a 24 mila euro (sarà valida l’attestazione Isee 2023 o, per chi non ne è in possesso, quella del 2022, nonché, nei casi previsti dalle disposizioni vigenti, l’Isee corrente) e figli di età compresa tra i 3 e i 13 anni (o fino ai 17 anni se con disabilità certificata ai sensi della Legge 104/1992, indipendentemente dall’attestazione Isee), nelle quali entrambi i genitori (o uno solo, in caso di famiglie monogenitoriali) siano occupati ovvero lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati, comprese le famiglie nelle quali anche un solo genitore sia in cassa integrazione, in regime di mobilità oppure disoccupato e coinvolto nelle misure di politiche attive del lavoro definite dal Centro per l’impiego. Potranno richiedere il beneficio anche i nuclei in cui uno dei due genitori si prenda cura in modo continuativo di familiari con disabilità grave o non autosufficienti.

“In un periodo particolarmente difficile sotto il profilo economico come quello che stiamo attraversando – sottolinea l’assessore alla Formazione, Mario Dadati – è fondamentale che le istituzioni continuino a erogare servizi a sostegno delle famiglie, con un’attenzione ancor più particolare per i nuclei che versano in una situazione critica. Il valore di questo progetto consiste infatti nel garantire ai genitori, rendendolo più accessibile economicamente, l’appoggio di una struttura educativa di esperienza consolidata, cui affidare in serenità i propri figli nel periodo estivo. Grazie al sostegno della Regione e del Fondo sociale europeo, anche quest’anno tante famiglie potranno beneficiare di questa opportunità”.

Il contributo, finalizzato a ridurre il costo della retta di frequenza ai centri estivi aderenti all’iniziativa, può raggiungere l’importo di 100 euro a settimana, per un massimo di 300 euro per figlio. Qualora la retta settimanale fosse inferiore a tale cifra, sarà possibile riconoscere il beneficio per un periodo più lungo, ferma restando la somma totale erogabile per ogni bambino. E’ consigliabile, per le famiglie che non lo avessero ancora fatto, rivolgersi a un Caaf per ottenere l’Isee: tutte le domande trasmesse saranno sottoposte alla verifica dei requisiti dichiarati, ma quelle pervenute oltre il termine ultimo delle ore 12 del 31 maggio non potranno essere prese in considerazione.

La richiesta di contributo viene inoltrata al Comune, tramite il link attivato sul sito istituzionale, ma l’iscrizione al centro estivo tra quelli disponibili in elenco viene fatta presso la struttura (ragion per cui è preferibile contattarla preliminarmente, per accertarsi della disponibilità di posti e ottenere tutte le informazioni necessarie). Nella domanda di contributo deve essere poi specificato il centro estivo di riferimento.

Per informazioni o chiarimenti per la compilazione della domanda online è possibile rivolgersi agli sportelli InformaFamiglie&Bambini, Galleria del Sole n.63 - Centro Civico Farnesiana, tel. 0523 492380; Informasociale via Taverna n.39, tel. 0523 492731, mail informasociale@comune.piacenza.it; Informasociale via XXIV Maggio n.28, tel. 0523 492022 mail informasociale@comune.piacenza.it. Gli operatori sono disponibili, su appuntamento, ad aiutare le famiglie che hanno bisogno di assistenza per l’utilizzo delle postazioni self informatiche messe a disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conciliazione vita-lavoro, al via le domande di contributo per la frequenza dei centri estivi

IlPiacenza è in caricamento