Da muratore a coltivatore di zafferano a “I Frè” di Groppallo: «Con il lavoro in zona nessun giovane si sposterebbe»

Il 38enne Marco Boletti, anni fa dalla Brianza è tornato con la famiglia a vivere a “I Frè” di Groppallo (Farini), una piccola frazione: «Mai pentito, non ci sono lati negativi nel vivere così distanti dalla città»

Marco Boletti nella sua casetta di legno a I Frè di Groppallo

È un muratore, nel tempo libero fa l’agricoltore e vorrebbe esserlo a tempo pieno. Marco Boletti oggi ha 38 anni e in passato viveva con la famiglia a Seregno (Monza-Brianza). I suoi genitori erano de “I Frè”, una piccola frazione vicino a Groppallo di Farini, in Alta Valnure. Ha frequentato nel milanese fino alla prima media: poi i genitori hanno deciso di cambiare vita e tornare al paese d’origine. Marco, a 17 Marco Boletti 1-2anni, inizia a lavorare: portalettere, metalmeccanico, gestore di un campo sportivo. Poi diventa muratore. Nel 2011 frequenta un corso dedicato alla coltivazione di piccoli frutti. «Ho incominciato per “colpa” di mia madre – spiega Marco -, quando venivo a casa da lavoro la aiutavo nell’orto, ed è scattata una grande passione».

Da milanese a groppallino, da muratore ad agricoltore. Nel 2014 parte con la prima coltivazione di zafferano per la vendita. «Prima lo coltivavo per la famiglia, poi ho iniziato con fragole, mirtilli e frutta di stagione. In seguito, l’idea dello zafferano». Perché proprio lo zafferano? «È un prodotto che mi è sempre piaciuto, è bello da lavorare, è tutto manuale. Solo la preparazione del terreno prevede l’impiego di mezzi agricoli, mi piace usare le mani. Nella coltivazione mi aiutano i miei genitori e mia suocera». Marco non molla, anche quando qualcuno gli «dà del matto» o sostiene che «coltiva droghe». «Sono temprato, ascolto i consigli ma in quello in cui credo, vado avanti».

«Ogni tre anni - racconta il suo lavoro - tolgo i bulbi dal terreno e li sposto in un altro, perché soffrono. La fioritura va da metà ottobre a metà fine novembre». Marco ha anche cavolfiori, verze, pomodori. «A marzo faccio la preparazione del terreno e le prime semine. Poi a fine primavera-inizio estate inizio i primi raccolti, fagiolini e fragole». La gente passa qua dalla sua casetta in legno a qualsiasi ora. Ma vorrebbe ingranare ancora di più. «Il mercato dello zafferano è un po’ problematico nel Piacentino. Al momento vendo solo ai singoli clienti, per fare un discreto reddito – e abbandonare il mio lavoro di muratore – dovrei riuscire a coinvolgere il mercato della ristorazione, ma i ristoranti piacentini non usano molto lo zafferano in cucina. Questo è il mio obiettivo: al momento vendo tutto a Farini e zafferano-3, con il passaparola. Quindi sto puntando a vendere nei ristoranti della Lombardia».

Muratore e coltivatore, due mestieri non proprio comodi. «Non mi sono pentito di aver iniziato questa seconda attività, lo rifarei mille volte. Mi piace proprio, devo solo riuscire a fare il passo decisivo per lasciare il mio lavoro di muratore». La moglie lavora a Bettola, che è comunque distante una ventina di chilometri. «Fatichiamo a trovare lati negativi della vita a “i Frè”, relazioni e amicizie le abbiamo tutti qui, da Groppallo a Farini. Se c’è bisogno di un cinema ci spostiamo, non sentiamo l’esigenza di essere vicinissimi alla città».

DUE ANNI E MEZZO PER OTTENERE TUTTI I PERMESSI

Anche Marco è convintissimo: vivere a Groppallo è un vantaggio. «In città è un delirio, si diventa molto più nervosi. Si sta meglio qui». Guai però a dire che Groppallo è una frazione di Farini. «Ci sentiamo tutti groppallini, non farinesi. È un orgoglio, ci vediamo come un “comune” staccato da Farini». Eppure i “Frè” sono molto lontani dai centri urbani. «La viabilità è un grande problema per chi viene da fuori. Per noi che viviamo qui, che abbiamo deciso di rimanere a vivere in montagna, il problema più grave è la mancanza di lavoro per i giovani che vogliono restare. I giovani dovrebbero avere più opportunità». Marco fa subito un esempio scoraggiante. «Volevo fare l’agricoltore qua a casa mia. Si sappia che ci ho messo due anni e mezzo per avere tutti i permessi necessari per fare le cose in regola. Mi sembra un lasso di tempo esagerato per uno che vuole fare l’agricoltore in proprio, zafferano 2-2sopra Groppallo». Un altro problema, attualmente, è internet: il telelavoro potrebbe agevolare molte cose, ma bisogna offrire le condizioni sufficienti. «Ho un paio di amici di Farini, liberi professionisti, che possono lavorare dal capoluogo del comune due o tre giorni alla settimana, invece che stare in città, perché c’è la rete veloce. Il telelavoro può portare gente, se ovviamente tutti i territori sono nelle condizioni di essere ben collegati». «Tanti – è la sua tesi – rimarrebero sulle nostre montagne senza alcuna mancanza, se solo ci fosse più lavoro nei paraggi. Se uno lo trova abbastanza vicino in zona, non ha problemi a rimanere, non se ne va via per avere qualche servizio in più a portata di mano».

"MONTAGNA VIVA, L'APPENNINO PIACENTINO MERITA UN FUTURO"

zafferano 5-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento