Da San Pietro in Cerro a Bruxelles per dire basta agli allevamenti degli animali in gabbia

E' partita la raccolta firme a livello europeo della campagna #EndTheCageAge, di cui anche Lumen di San Pietro in Cerro è promotrice insieme ad oltre cento organizzazioni che si battono per liberare dalle gabbie gli animali che crescono negli allevamenti europei

E' partita la raccolta firme a livello europeo della campagna #EndTheCageAge, di cui anche Lumen di San Pietro in Cerro è promotrice insieme ad oltre cento organizzazioni che si battono per liberare dalle gabbie gli animali che crescono negli allevamenti europei. Nell’ultima settimana di settembre il tema è stato presentato all’Europarlamento di Bruxelles con una mostra e una conferenza cui ha partecipato anche Milena Simeoni fondatrice di Lumen, per raccogliere le firme necessarie a sostenere l’iniziativa. L'evento, aperto da Eleonora Evi, Europarlamentare italiana nella Commissione per l'Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare, ha visto anche la partecipazione dell’Europarlamentare Sirpa Pietikäinen, Presidente dell’Intergruppo per la Conservazione e il Benessere degli Animali, di altri europarlamentari che hanno dichiarato il proprio sostegno all’iniziativa. "In Europa - spiega Evi - circa 300 milioni di animali sono confinati in gabbie e privati della possibilità di muoversi in modo naturale. Conigli, galline, scrofe, anatre e quaglie passano la vita in gabbia. È ora di superare questo sistema di trattamento che infligge solo sofferenze agli animali. Il Trattato di Lisbona definisce gli animali quali esseri senzienti e, dunque, è nostro compito tutelarli”. "Sono grata a Eleonora Evi – dice Milena Simeoni - per essere stata invitata al lancio del progetto End of the Cage Age. Sono onorata di rappresentare Lumen e tutti i suoi soci in questo è un momento importante per la salute degli animali, dell'individuo e l'intero pianeta. Sono sicura che sia una svolta perché questa nostra mobilitazione si prende cura del più debole, di chi non può parlare. E' una svolta importante per la salute dell'intero pianeta". In Italia hanno aderito 16 associazioni: Amici della terra Italia, Animal Equality, Animal Law, Animalisti Italiani, CIWF Italia Onlus, Confconsumatori, ENPA, Il Fatto Alimentare, LAC – Lega per l’abolizione della caccia, LAV, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, LEIDAA, Jane Goodall Institute Italia, Partito Animalista, Terra Nuova, Terra! Onlus

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento