Dal 10 ottobre i diesel Euro 4 possono tornare a circolare 

Limitazioni anti-smog, il blocco ai diesel Euro 4 a Piacenza dal 10 ottobre è revocato anche a Piacenza

Limitazioni anti-smog, il blocco ai diesel Euro 4 a Piacenza dal 10 ottobre è revocato anche a Piacenza. Il Comune ha infatti ufficialmente emanato un provvedimento che modifica l’ordinanza antismog approvata lo scorso 28 settembre, dopo le decisioni assunte nella sede della Regione Emilia-Romagna. La rettifica riguarda in particolare le autovetture e i veicoli con motore diesel Euro4, che da oggi possono tornare a circolare anche nella fascia oraria precedentemente soggetta a divieto (dal lunedì al venerdì, tra le 8.30 e le 18.30). Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web comunale www.comune.piacenza.it, che riporta tutte le informazioni relative alle limitazioni al traffico in vigore e le categorie per cui è prevista una deroga.

IL COMMENTO DI GIANCARLO TAGLIAFERRI (FRATELLI D'ITALIA) -  Non è attaccando l’amministrazione comunale di Piacenza che i consiglieri regionali Pd, Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi, riusciranno a nascondere la figuraccia fatta dalla Giunta Bonaccini e, in particolare, dall’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, sui deleteri provvedimenti assunti in base del Piano integrato dell’aria (Pair 2020) e sulla precipitosa marcia indietro che hanno dovuto fare, costretti dalla protesta generalizzata della regione”. Giancarlo Tagliaferri, presidente del Gruppo di Fratelli d’Italia in Regione, interviene sulla diatriba innescata dai due consiglieri democratici, invitandoli a “una maggiore prudenza e senso di responsabilità”. “Qui non è in discussione l’operato delle forze all’opposizione in Assemblea legislativa regionale, ma l’abitudine consolidata della maggioranza di approvare qualsiasi norma proposta dalla Giunta Bonaccini senza fiatare e, di contro, respingere qualsiasi suggerimento dell’opposizione, anche il più motivato. Il 12 aprile 2017, al momento dell’approvazione del Pair 2020, Gazzolo, a nome della Giunta regionale, magnificò il Piano e i relativi provvedimenti. A questo autoincensamento si accodò, naturalmente, tutto il Pd. Oggi che saltano fuori gli evidenti passi falsi e le decisioni inappropriate, denunciati da noi come da altre forze di opposizione in Regione, oltre che dai cittadini, ci saremmo aspettati le dimissioni di Gazzolo, sconfessata di fatto dal presidente Stefano Bonaccini, e le scuse dei consiglieri regionali Pd. Al contrario, si procede con la solita arrogante noncuranza. Quella che giustamente anche elettori del Pd hanno bocciato nelle ultime tornate elettorali. Un’emorragia di consensi che, a quanto sembra, è sempre più evidente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento