Dal ricordo del giornalista Gianluca Perdoni un dono per l'associazione William Bottigelli

Il giornalista Gianluca Perdoni

A quattro anni di distanza da quella crudele mattina in cui il giornalista Gianluca Perdoni ci lasciava, gli amici di sempre hanno rinnovato l’appuntamento di ritrovarsi in campo per rinverdirne il ricordo. Il torneo a lui dedicato è nato appunto quattro anni fa, attorno alla passione condivisa per il calcio. Non si tratta di vera competizione, le squadre partecipanti hanno il solo obbligo di essere legati da comune amicizia. La tecnica sopraffina serve a poco, richiesta è invece una valigia di aneddoti. A partire da questa edizione si è deciso di collegare l’iniziativa a un progetto di solidarietà sociale. Argomento molto caro a Gianluca, cui dedicò parecchie incursioni, sia professionali, sia private. L'appuntamento avviene ogni anno, il 1 giugno, giorno del suo compleanno. Il prato non è un magico tappeto verde e i protagonisti hanno smesso da tempo i sogni di divenire calciatori, ma quel che garantiscono è che inseguono il pallone soltanto con la fantasia. Proprio come scriveva Gianluca nel suo libro “Da Roncobilaccio alla serie A”.

Noi siamo a costo zero, ma visto che la manifestazione piace e che ci sono soggetti intenzionati a contribuire, l'abbiamo legata ad un’ opera meritevole, si legge in una nota. Il quarto memorial ha un logo in cui il 4 è diventata una F che completa la scritta “Four”. A sua volta nel “Four”, potete trovarci “4 our”, ovvero “4 nostro”. Quel “nostro” ha istillato un dubbio: se lo rendessimo per tutti? Da lì è nata l'idea del crowdfunding. Il quarto anno si è così trasformato nel primo di una serie di iniziative benefiche.

Per questa edizione abbiamo contattato  - continua la nota - in punta di piedi Daniele Cacia il quale ha risposto da campione. Un impegno gli ha impedito di essere con noi, ma ha specificato: “Per le prossime edizioni ci sarò e voglio giocare”.  Daniele è vicepresidente dell’associazione William Bottigelli. Gireremo a loro i proventi della raccolta fondi. Poco, tanto, è lo stesso. Chi partecipa, ci tiene a partecipare, tenendo a Gianluca. Sosteniamo in particolare i progetti dell'associazione volti a dare un aiuto a famiglie povere di Piacenza nell’assistenza a bambini con gravi patologie quali, ad esempio, leucemia, distrofia muscolare, sindrome di Down, cardiopatie congenite, diabete giovanile. Il ricordo ha valenza vitale. Se lo concretizziamo con un regalo di compleanno a Gianluca per una buona causa, aggiungiamo valore alla vita di ognuno di noi attraverso la sua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento