menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tavolo dei sindacati

Il tavolo dei sindacati

«Denunciate le discriminazioni sul posto di lavoro, abbiate coraggio per una società più giusta»

In occasione del festival "Diritti in cammino", Cgil, Cisl e Uil presentano il vademecum per sensibilizzare contro le discriminazioni sul lavoro: «Conoscere è il primo modo per combattere le discriminazioni»

«Il 17 maggio non è una data casuale: abbiamo scelto la giornata mondiale contro l’omotransfobia per presentare il nostro opuscolo contro le discriminazioni, in particolare sul lavoro». E’ iniziata così la conferenza stampa di presentazione del vademecum voluto da Cgil, Cisl e Uil in occasione del festival “Diritti in cammino” - una 3 giorni contro le discriminazioni con un programma ricco di eventi, talk e laboratori - che verrà stampato in grandi quantità e distribuito in tutti i luoghi di lavoro.

«Conoscere è il primo modo per combattere le discriminazioni: purtroppo Piacenza è sempre di più terreno di lavoro fragile e sottopagato. Gli esempi riportati nell’opuscolo sono fatti realmente accaduti, che abbiamo intercettato attraverso i nostri sportelli» ha spiegato Marina Molinari, segretario generale Cisl. «Oggi anche ammalarsi diventa motivo di discriminazione, di tentativo di esclusione e licenziamento, oltre alle più “classiche" disparità di genere, con tutta la questione della differenza salariale certificata dall’Europa e ampiamente certificata da dati e statistiche».

«Da sempre le nostre organizzazioni sono attente a questo tema: alla soglia del 2020, dover ancora affrontare temi che pensavamo appartenessero al passato e invece sono di grande attualità, da un certo punto di vista rappresenta una sorpresa. Speriamo che questo opuscolo sia utile nei luoghi di lavoro, per tutti» ha commentato Marco Carini della camera del lavoro di Piacenza. 

«I principi di un sindacato sono quelli di solidarietà, uguaglianza e giustizia sociale; principi che purtroppo ultimamente vengono messi duramente in discussione» ha aggiunto Francesco Bighi, segretario generale aggiunto Uil Emilia.

«Il messaggio è molto semplice: non siete soli, denunciate, abbiate coraggio per una società più giusta. E’ solo così che si riescono a portare alla luce spiacevoli episodi. L’obiettivo di questi 3 giorni è fare rete per la lotta alle discriminazioni» ha concluso Davide Bastoni, presidente di Arcigay Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento