Donata alla Croce Azzurra di Ferriere un'automedica attrezzata per raggiungere le zone più impervie

La consegna nel corso della festa per i 35 anni dalla fondazione della Croce Azzurra

l'automedica

I rappresentanti di tante sezioni consorelle sono confluiti a Ferriere in occasione della due giorni di festa della Pubblica Assistenza Croce Azzurra che quest’anno è entrata nel 35esmo anno di attività. Con loro, in bella mostra, auto mediche e automezzi attrezzati del Club Alpino, della sezione di Bardi, di Piacenza e di una decina di località della Provincia.  Le maggiori attenzioni sono state però per il fuoristrada attrezzato per raggiungere zone montane impervie dove gli altri mezzi avrebbero serie difficoltà ad arrivare, dotato di attrezzatura medico-sanitaria per i soccorsi d’emergenza, che di lì a poco sarebbe entrato in operatività. La dotazione di un tale veicolo era una necessità avvertita da sempre che però si era ancora più palesata dopo l’alluvione del settembre 2015; il legittimo desiderio era però rimasto tale causa l’elevato onere economico che l’acquisto del mezzo comportava.

Quest’anno il desiderio è diventato idea vincente perché Lucio Pareti di Selva, milite della Croce Azzurra, ne ha parlato al maestro del lavoro Germano Ratti (in buen ritiro in alta Val Nure, dalle attività di Formazione connesse alla Scuola piacentina di formazione Pogamescoll), il quale ha trovato la collaborazione di Attilia Jesini di Confindustria, della Fondazione di Piacenza e Vigevano e della Banca Centropadana attraverso il suo Presidente avv. Serafino Bassanetti. 

La consegna del mezzo è avvenuta come momento centrale delle Festa di domenica scorsa, presenti per la Banca il dott. Marco Ghigna direttore filiale di Fiorenzuola e il dott. Tommaso Senzapaura direttore a Rivergaro.

La parata della Croce Azzurra per le vie del paese è stata aperta dalla Banda musicale di S. Stefano d’Aveto ed ha compreso la deposizione di una corona d'alloro ai piedi del monumento dedicato ai Caduti della seconda guerra mondiale con schierate le autorità e un drappello della sezione Alpini. Dopo la S. Messa, la mattinata celebrativa si è conclusa con la visita alla mostra fotografica allestita nel gazebo in Piazza delle Miniere, con immagini che hanno ripercorso diversi momenti dei trentacinque anni di attività della sezione. «Siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari - ha affermato I’attuale presidente del gruppo Giovanni Carini - siamo in pochi, però riusciamo a coprire tutti i turni e i servizi, questo automezzo che ci è stato donato è molto prezioso e, in caso di necessità, ne condivideremo l’uso con le sezioni a noi limitrofe». «Voglio dire grazie a tutti i volontari e presidenti che si sono alternati fino ad oggi - ha aggiunto il sindaco Giovanni Malchiodi perché con grande spirito di sacrifico e grande senso di responsabilità ed efficacia tengono in vita la Croce Azzurra di Ferriere». Il socio fondatore Giampietro Labati ha poi ripercorso gli anni della benemerita associazione ricordando in particolare il primo presidente Giovanni Bergamini scomparso nel 1988.  L’attuale direttivo presieduto da Giovanni Carini è composto da Alexandra Trifan, Lucio Pareti, Stefano  Zanelli,  Sandro  Zanelli, Ilaria Toscani,   Stefano  Chiappa, Natasha Preli, Enrica Poggi e Marco Pisani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento