rotate-mobile
Attualità Strada della Viggioletta

«Ecco quello che ogni giorno i nostri figli rischiano per andare a scuola»

I residenti della Veggioletta, e di Corte Pusterla, si sono rivolti ancora al nostro giornale e puntano il dito sulla mancanza di sicurezza del tratto di strada Gragnana che conduce in via Cella. «Chiediamo che il comune faccia qualcosa»

«Tutti i giorni quando mio figlio, o gli altri bambini che abitano qui, vanno a scuola oppure a prendere l'autobus per andare in città, devono rischiare di essere investiti: sono obbligati a passare a filo delle auto che a velocità sostenuta si dirigono verso la tangenziale perché non c'è ancora un marciapiedi, e la pista ciclabile si interrompe e finisce nel nulla prima del canale della Fame».

A rivolgersi nuovamente al nostro giornale, chiedendo aiuto, sono numerosi residenti della Veggioletta, in particolar modo quelli della popolosa Corte Pusterla, il quartiere residenziale tra via Guicciardini e strada della Veggioletta nel quale vivono molte famiglie piacentine. E, ancora una volta, chiamano in causa l'amministrazione comunale e gli assessori competenti. Puntano il dito sulla mancanza di sicurezza del tratto di strada Gragnana che conduce verso largo Morandi e via Pietro Cella. Un tratto certamente rischioso da percorrere a piedi, tanto per i bambini quanto per gli adulti, mancando un marciapiedi e soprattutto essendo la pista ciclabile interrotta sull'attraversamento del diversivo Ovest. Una mamma ci ha anche inviato un video eloquente che pubblichiamo.

«Chiediamo che il Comune faccia qualcosa - scrivono i residenti alla nostra redazione - perché la situazione è molto seria, e non volgiamo attendere che ci scappi l'incidente grave prima di correre ai ripari. Sicuramente se qualche amministratore vivesse qui, e ogni giorno rischiasse nel percorrere poche centinaia di metri per andare in città, probabilmente la situazione sarebbe già stata risolta».

strada gragnana ciclabile interrotta-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ecco quello che ogni giorno i nostri figli rischiano per andare a scuola»

IlPiacenza è in caricamento