rotate-mobile
Verso il voto / Pontenure

Giuseppe Carini si candida per “Voi con noi cambiamo Pontenure”

Il consigliere di minoranza alla guida di una lista civica: «Scelte calate dall’alto in questi anni, vogliamo coinvolgere i pontenuresi. Puntiamo su viabilità, decoro, pulizia, sicurezza»

Si è presentato ieri sera, nel contesto di Villa Raggio, Giuseppe Carini, candidato a sindaco della lista civica “Voi con noi cambiamo Pontenure”. Carini, 68 anni, è in pensione dal settembre scorso. Ha svolto diversi lavori: informatore scientifico del farmaco, tecnico all’interno del comparto agronomico di un’azienda di trasformazione alimentare, insegnante di sostegno e poi di matematica alle medie.

«Sono nato all’ombra della torre, ho sempre vissuto a Pontenure», racconta di sé stesso il candidato sindaco.  Amministratore trent’anni fa, negli ultimi tempi ha ricoperto il ruolo di consigliere di minoranza. Ora sarà alla guida di una lista civica «centrista», «che corre in maniera libera, senza partiti». La sua è una «squadra eterogenea, con ventenni e persone più esperte: copriamo diversi mestieri e diversi settori».

Dopo la serata di presentazione di ieri sera a Villa Raggio, la lista organizzerà incontri nelle frazioni di Muradello (29 aprile), Valconasso (3 maggio). «Pontenure ha ottime attrezzature – spiega il candidato – ma in questi anni sono mancate trasparenza e condivisione. Spesso le scelte sono state calate dall’alto. Serve un maggior coinvolgimento dei pontenuresi nelle decisioni. Sappiamo che è complicato coinvolgere la gente perché viviamo in un’epoca nella quale la politica è vista ovunque come una “brutta cosa”, ma ci proviamo».

Per Carini i temi portanti del suo programma saranno viabilità, decoro, pulizia, sicurezza. «Pontenure negli ultimi quindici anni è diventato il primo comune alle porte di Piacenza invaso dalla logistica. Abbiamo delle aziende di livello internazionale nel territorio, bisogna collaborare con loro per migliorare la cura degli spazi e la viabilità. Il Ptav, il piano territoriale di Area Vasta ha concesso la deroga per ben due bretelle-tangenziali. Sul fronte della sicurezza posso dire che solo nella scorsa settimana due persone sono state scippate, dobbiamo migliorare la situazione».

In agenda anche la realizzazione di un centro giovanile per ragazzi in età adolescenziale. «Pontenure ha l’oratorio che accoglie i giovani fino alle medie, ma quelli delle superiori non hanno spazi d’aggregazione a loro dedicati. Vogliamo inoltre creare centri d’ascolto per situazioni problematiche, per persone sole che non hanno nessuno a cui rivolgersi o vittime di violenze. Tra gli obiettivi anche quello di migliorare la collaborazione con le associazioni di volontariato sul territorio. Vorremmo coltivare una maggior cura del verde e migliorare il patrimonio arboreo del paese». Nel programma anche la creazione di ciclopedonali collegate con quelle dei paesi limitrofi.

Voi con noi cambiamo Pontenure-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuseppe Carini si candida per “Voi con noi cambiamo Pontenure”

IlPiacenza è in caricamento