menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elior e Comune di Cadeo insieme per l'educazione alimentare nelle scuole

Otto progetti di educazione alimentare e 280 alunni: sono questi i numeri del percorso di educazione alimentare che ha coinvolto tutte le scuole del Comune

Otto progetti di educazione alimentare e 280 alunni: sono questi i numeri del percorso di educazione alimentare che ha coinvolto tutte le scuole del Comune. Si è partiti dalla lotta allo spreco, passando per la visita alle cucine, senza dimenticare l’importanza della colazione, i benefici dei legumi e l’analisi delle etichette dei cibi. L’iniziativa è nata da un’idea di Elior, l’Azienda che si occupa della ristorazione scolastica a Cadeo, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

Tutto è cominciato a novembre 2018 con l’iniziativa “Io non spreco” che aveva l’obiettivo di guidare il comportamento dei bambini riguardo gli sprechi, invogliandoli a non lasciare cibo nel piatto e tentare di assaggiare ogni pietanza. Il secondo incontro “Etichette Alimentari” ha insegnato ai bambini a leggere le etichette sui prodotti, valutare e conoscere meglio gli alimenti che poi arrivano in tavola. Poi è stata la volta di “Colazione a scuola”, che ha permesso agli alunni di gustare il pasto più importante della giornata in classe con gli insegnanti e di “Erbe Officinali”, per far scoprire ai bambini le funzioni e le proprietà delle erbe più diffuse nelle dispense di casa.

A gennaio, grazie a “Cucine porte aperte”, i bimbi e le loro famiglie hanno potuto visitare gli ambienti della ristorazione scolastica, accompagnati dai cuochi e dalla educatrice alimentare Annalisa Binati che hanno spiegato tutti i segreti del loro lavoro.  Con “I semi del buon vivere” gli alunni hanno capito perché è fondamentale introdurre una varietà di legumi nella propria dieta quotidiana, mentre “Arcobaleno in Pentola” ha avuto lo scopo di insegnare le varie proprietà nutritive degli alimenti vegetali in base al loro colore. Infine, “Galateo a Tavola” ha permesso di valorizzare il pasto da un punto di vista sia educativo sia sociale.

cadeo 2-2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino, a Piacenza in arrivo quasi 54mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento