menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Escludere settore domestico da norma contratti a tempo del decreto dignità, le famiglie rischiano aumenti»

Assindatcolf: «Il comma 2, art. 3 del decreto prevede un aumento dello 0,5% "in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione"»

«Escludere il settore domestico dagli aumenti contributivi previsti dal Decreto Dignità per i rinnovi dei contratti a tempo determinato: in caso contrario le famiglie che si affidano alle cure di badanti, baby sitter e colf rischiano di dove pagare fino a 160 euro in più all’anno». E’ questa la proposta avanzata da Assindatcolf, Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico, aderente Confedilizia e firmataria del contratto collettivo che regola il settore, contenuta all’intero della Memoria depositata presso le Commissioni Finanze e Lavoro che stanno esaminando il Dl 87/2018 alla Camera dei Deputati.

«Il comma 2, art. 3 del citato decreto prevede, infatti - spiega Assindatcolf - un aumento dello 0,5% "in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione". Non avendo previsto l'esclusione del settore domestico, come normalmente avviene per i provvedimenti che introducono incentivi o agevolazioni fiscali, abbiamo chiesto che la disposizione si applichi solo a chi fruisce anche di agevolazioni e non a chi assume personale domestico. Parliamo di famiglie non di imprese, in particolare di donne, che a fronte di un welfare che taglia i servizi, per conciliare tempi di vita e di lavoro sono costrette a rinunciare alla carriera o a farsi carico di costi molto elevati: 16 mila euro è quanto spende in un anno una famiglia per assumere una badante a tempo pieno».

«In un settore in cui le agevolazioni fiscali per chi ricorre ad un regolare contratto sono pressoché inesistenti - spiega l’Associazione - un ulteriore aggravio dei costi a carico delle famiglie risulterebbe intollerabile ma anche incomprensibile. Nel settore domestico non esiste, infatti, un problema di abuso dello strumento del contratto a tempo determinato che, al contrario, viene utilizzato in percentuale molto bassa rispetto a quello a indeterminato, dove è possibile licenziare senza giusta causa, ad nutum. Per questo abbiamo sollecitato il Parlamento a considerarci anche per i benefici e non solo per i sacrifici».
«Invece di mettere mano ad una problematica marginale per le famiglie - conclude Assindatcolf – chiediamo al Governo e al Parlamento di intervenire su due fronti urgenti. Bisogna tornare a pianificare il lavoro regolare: serve un decreto flussi con quote dedicate al settore domestico. Quanto al lavoro occasionale, occorre prevedere dei correttivi che tengano conto del Ccnl, dei livelli di inquadramento e delle mansioni svolte: il Libretto famiglia così come oggi configurato è totalmente inadeguato, meccanismi ostici rendono difficile il suo utilizzo da parte delle famiglie che non riescono ad agire in autonomia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento