rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Post Pandemia / Farini

«Farini ha pagato un prezzo alto al Covid. Un grazie a voi che avete dedicato tempo alle persone»

Durante le celebrazioni del patrono San Giuseppe e della fiera il Comune ha voluto ricordare l’impegno di medici, farmacisti, volontari, associazioni, forze dell’ordine nei mesi più difficili

È tornata dopo due anni la fiera di San Giuseppe a Farini. Il paese dell’Alta Valnure ha celebrato, come da tradizione, il suo patrono, dopo lo stop forzato dal Covid. Nella piazza antistante al municipio e alla chiesa sono tornate le bancarelle e i giochi, con anche alcune esposizioni. La fiera è stata anche un'occasione per fare beneficenza, a favore dell'emergenza ucraina o dell'Assofa di Piacenza. Durante la messa, celebrata da don Luciano Tiengo, l’Amministrazione comunale ha voluto ringraziare associazioni, volontari e personalità che si sono spese durante la pandemia. 

«Poco più di due anni fa – ha spiegato il sindaco Cristian Poggioli - stavamo organizzando la fiera di San Giuseppe quando, nel giro di pochi giorni, il virus si è diffuso in tutto il Paese e ha cambiato le nostre vite. Farini ha pagato un prezzo alto al Covid. Ogni sera leggiamo il bollettino quotidiano che ci racconta la pandemia: dietro a quei numeri ci sono volti visi che non vogliamo dimenticare». Ora, però, la situazione sembra migliorare. «Dopo due anni abbiamo riproposto la fiera per ripartire e riallacciare quei fili che il virus aveva spezzato. Ci auguriamo di cuore, inoltre, che il conflitto in Ucraina termini il prima possibile».

«Solitamente alla fiera – ha sottolineato Poggioli dall’altare, mentre erano presenti anche i colleghi Paolo Negri (Bettola) e Carlotta Oppizzi (Ferriere) - mettevamo in mostra le delizie e i prodotti del territorio. Questa volta vogliamo ringraziare chi ha dato una mano durante la pandemia. Ovviamente oltre a quelli citati oggi tante altre persone si sono date da fare per la comunità».

Diversi gli attestati di gratitudine distribuiti. Coinvolti gli alpini, l’Avis, la Croce Rossa e la pro loco di Farini. I “Barbari” di Pradovera, il circolo “Aserei” di Mareto, il circolo Anspi di Pradovera. Sono stati ringraziati anche i carabinieri di Farini, Angelo Gazzaniga, il farmacista Andrea Reggi e il suo staff, il medico Maria Cristina Vercesi, il primario di Oncologia Luigi Cavanna. «Siamo consapevoli – ha concluso Poggioli a nome di tutta la comunità farinese - di quello che avete fatto per il nostro territorio, per il tempo che avete dedicato alle persone. La parola che vi rivolgiamo è “grazie”».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Farini ha pagato un prezzo alto al Covid. Un grazie a voi che avete dedicato tempo alle persone»

IlPiacenza è in caricamento