menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il taglio del nastro

Il taglio del nastro

Festa dell’Arma del Genio, inaugurata la mostra "Artisti di ieri e artisti di oggi"

L’evento si inserisce nelle celebrazioni della festa dell’Arma del Genio (che per la prima volta si terrà a Piacenza il prossimo 22 giugno) il quale vede in contemporanea la presenza di altre due mostre

All'auditorium di Sant’Ilario nella serata del 18 giugno è stata inaugurata la mostra "Artisti di ieri e artisti di oggi". Erano presenti il sindaco Patrizia Barbieri e il Comandante del 2° Reggimento Genio Pontieri, il colonnello Salvatore Tambè, unitamente ad altre autorità civili e militari. Quali interpreti principali della mostra non potevano mancare il preside, i docenti e gli alunni del liceo artistico “B. Cassinari”. L’evento si inserisce nelle celebrazioni della festa dell’Arma del Genio (che per la prima volta si terrà a Piacenza il prossimo 22 giugno) il quale vede in contemporanea la presenza di altre due mostre, e in particolare: una mostra allestita presso le “Ex scuderie Maria Luigia” in piazza Cittadella dal titolo “il Genio per il Paese – noi ci siamo sempre” che mostrerà le attuali attività svolte dai Reparti del Genio, con orari di apertura dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30 e una mostra allestita presso l’area espositiva di “Palazzo Farnese” in piazza Cittadella dal titolo “il Genio dalla Grande Guerra ad oggi” che mediante uniformi, cimeli di ogni genere e video ricorderà il contributo dei genieri attraverso due guerre mondiali, con orari di apertura dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30.

La mostra realizzata presso l’Auditorium di Sant’Ilario in via Garibaldi 17, espone opere inedite provenieti dall’ISCAG in Roma (Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio) e realizzate da artisti che indossarono l’uniforme nel corso del secondo conflitto mondiale.  I loro quadri vennero realizzati durante il servizio prestato sui fronti del Nord Africa, dei Balcani, della Grecia e della Russia nel corso del secondo conflitto mondiale. Si tratta di una mostra dimenticata per oltre 75 anni. Difatti dopo l'inaugurazione nel Palazzo delle Esposizioni a Roma il 7 giugno del '42 cadde nell'oblio delle vicende della guerra finendo nei sotterranei, per poi tornare all'iniziale splendore con l'esposizione per tre mesi, lo scorso anno, presso lo Stadio di Domiziano a Roma.

In questa mostra, il visitatore potrà riscoprire l’importanza della memoria militare nell’opera di pittori che ritrassero non solo battaglie e momenti della dura esistenza al fronte, ma anche squarci di vita quotidiana, momenti di svago, sentimenti ed emozioni di  artisti e militari che hanno contribuito a scrivere la storia del nostro Paese. Le opere sono quasi "diari di guerra dipinti" che esprimono una guerra senza odio, una serena volontà di resistere con abnegazione e senso del dovere alle sorti di un conflitto,  divenute ormai sfavorevoli. Ad essi sono accostati le opere degli artisti di oggi e anche di domani.  Gli alunni del Cassinari, sotto la guida sapiente dei loro docenti, hanno realizzato proposte per la locandina della festa dell’Arma del Genio, una ipotesi di francobollo celebrativo sempre del medesimo evento ed una opera tridimensionale che ripercorre tutte le anime dell’Arma del Genio. Gli alunni autori delle opere della mostra verranno quindi premiati nel corso di una serata ad inviti, che avrà luogo il prossimo giovedì 21 giugno presso il Palazzo Gotico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Roncaglia sono partiti i lavori del maxi capannone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Piacenza scongiura la zona rossa: si resta in "arancione"

  • Cronaca

    Il nuovo Dpcm "anti varianti": che cosa cambia fino a Pasqua

  • Economia

    Cattolica, si lavora ad un robot per la potatura dei vigneti

  • Cronaca

    Controllo del territorio e Covid, più pattuglie in strada

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento