menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fit Cisl e Cisl: «Rivalutare le priorità per il vaccino»

La richiesta dei segretari, che lo chiedono con l'obiettivo di «garantire l'immunizzazione di una platea di lavoratori che maggiormente è sottoposto al rischio di contagio»

«Riteniamo che i lavoratori del trasporto pubblico locale e piu' in generale quelli operanti nei cosiddetti servizi essenziali debbano rientrare necessariamente tra i soggetti prioritariamente destinatari della somministrazione del vaccino». Sono i segretari Salvatore Buono e Michele Franco della FIT CISL di Piacenza e Parma, sindacato dei Trasporti, Logistica e Igiene Ambientale che lo chiedono, con l'obiettivo di «garantire l'immunizzazione di una platea di lavoratori che maggiormente è sottoposto al rischio di contagio, auspicando che la politica, a tutti i livelli, agisca al più presto, con  deliberazioni in tal senso».

La CISL UST Parma e Piacenza nella persona di Michele Vaghini rimarca: «E' necessario garantire la salute, riducendo la possibilità di contagi anche di queste categorie di lavoratori in una fase ormai critica, dove la curva del contagio non accenna ad invertire significativamente la rotta, partendo quindi dai soggetti piu' esposti, quali per esempio i lavoratori del trasporto pubblico, della scuola e quelli dei servizi essenziali», conclude il sindacato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento