Fondazione Pia Pozzoli: «Attivare subito un tavolo di lavoro sulla disabilità»

Lo chiede la Fondazione Pia Pozzoli per il “Dopo di Noi”, in una lettera inviata alla presidenza e ai principali organi della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria

Attivare in modo sollecito, sulla base delle linee guida approvate dalla Regione Emilia Romagna,  un tavolo di lavoro sulla disabilità a livello provinciale  per il riavvio delle attività dei centri diurni. Facendosi portavoce dei bisogni raccolti tra i familiari, lo chiede la Fondazione Pia Pozzoli per il “Dopo di Noi”, in una lettera inviata alla Presidenza e ai principali organi della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria e per conoscenza ai sindacati.

«Siamo ora ufficialmente entrati nella fase più difficile e cruciale della gestione Covid-19, quella in cui occorre passare dall’emergenza alla normalità post-pandemia, trovandoci di fronte alla necessità di riorganizzare gli interventi  rivolti alle persone disabili  in uno scenario completamente cambiato, con il rischio che con la riduzione dei servizi venga compromesso il lavoro per loro fatto finora e che per la difficile situazione socio- economica possano essere ridimensionati obiettivi importanti quali l’autonomia e la partecipazione sociale», sottolinea la Fondazione.

«In verità questa seconda fase si sta presentando molto complessa e oggi sono in forte aumento preoccupazioni, disuguaglianze e fragilità: dai contatti intercorsi con le famiglie emerge come esse temano per i propri cari il rientro nei servizi e se da un lato senz’altro chiedono che sia tutelata la loro salute e sicurezza, dall’altro auspicano che possano continuare gli interventi educativi, riabilitativi e sociali di cui hanno finora usufruito».

«Appare quindi importante definire dapprima protocolli dettagliati di tutela sanitaria, in base ai quali tranquillizzare le famiglie organizzando per loro anche incontri insieme agli operatori con esperti del settore sulle modalità di sicurezza da applicare. Occorre poi rivedere l’organizzazione dei servizi in riferimento alle necessità attuali delle persone disabili che hanno più che mai ora bisogno di uscire dall’isolamento e riattivare gradualmente i progetti che erano già in corso, coinvolgendo le famiglie, per la maggior parte ridiventate negli ultimi mesi l’unico riferimento per l’accudimento e le attività del familiare disabile, e ponendo altresì attenzione alla tutela del lavoro del personale impegnato nelle varie attività educative».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E’ importante quindi mettere in atto sinergie in grado di fare ripartire la cultura della disabilità con rimodulazione dei servizi e con adeguati finanziamenti – conclude la Fondazione -, attraverso un tavolo di lavoro ad hoc cui possano partecipare le famiglie, le associazioni e i soggetti che si occupano di disabilità, le amministrazioni comunali, l’Ausl e i sindacati al fine di far fronte in questo delicato momento delineando nuove e adeguate prospettive di sviluppo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento