Il 20 febbraio il liceo Colombini ospita il seminario organizzato da Intercultura sull’educazione alla mondialità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

La mobilità studentesca internazionale pone diverse sfide ai Consigli di classe: prima fra tutte le scelta e la messa in pratica delle azioni che la scuola deve intraprendere quando un suo studente sta per partire per un programma di studio all’estero o uno straniero viene ospitato per poter valorizzare queste esperienze nell’Istituto e valutare le competenze acquisite. Dopo il ciclo di seminari organizzati dalla Fondazione Intercultura per insegnanti dedicati al Protocollo Intercultura per la valutazione del programma di studio all’estero, nel 2020 Intercultura, attraverso la sua Associazione, prosegue con la sua proposta alle scuole di un’offerta formativa su scala nazionale, con l’obiettivo di continuare a tradurre la propria esperienza pedagogica sulle tematiche relative all’educazione alla mondialità in una vera e propria forma di didattica interculturale. I 21 seminari che verranno organizzati in tutta Italia hanno l’obiettivo di sensibilizzare e formare i docenti ai temi dell’educazione interculturale e offrire strumenti per aiutare l’organizzazione degli scambi nella scuola dell’autonomia:  promuovendo le capacità progettuali delle singole scuole;  aiutandole a inserire gli scambi nei progetti educativi;  sollecitando le occasioni offerte dall’autonomia scolastica di flessibilità curriculare;  facilitando lo scambio di esperienze. Il 20 febbraio il Liceo Statale G.Molino Colombini ospiterà il seminario intitolato “Mobilità individuale: un progetto educativo di studio all'estero”, organizzato dai volontari di Intercultura di Piacenza. Il corso, della durata di 4 ore, si svolgerà dalle 14.00 alle 18.00 presso la sede dell’Istituto in via Beverora, 51 a Piacenza e sarà tenuto dalla Prof. Maria Rita Semprini, docente formatrice di Intercultura. Nella pratica, il corso mira a guidare i partecipanti a: a. conoscere la cornice di riferimento istituzionale italiana ed europea; b. approfondire elementi per la programmazione, il monitoraggio, la valutazione e la valorizzazione nella comunità scolastica delle esperienze di studio all'estero dei propri alunni c. condividere buone pratiche e strumenti operativi, basati su ricerche condotte da Fondazione Intercultura e sull'esperienza sviluppata da Intercultura nel settore dell'educazione interculturale in collaborazione con le scuole italiane. E’ possibile partecipare gratuitamente al corso previa iscrizione al portale dedicato ai docenti sul sito di Intercultura: https://www.intercultura.it/mobilita-individuale/area-docenti-e-tutor/ Il corso è registrato anche sul portale SOFIA previsto dal MIUR per la formazione docenti (Prot. 39462). Per maggiori informazioni sul corso di formazione o sui programmi all’estero o di ospitalità in Italia offerti da Intercultura è possibile contattare i volontari di Piacenza nella persona del Responsabile Sviluppo e Formazione Alessandro Chiatante al numero 347 4103705. L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it) Intercultura è un Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 159 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per oltre 40 anni di attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno oltre 2.200 ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo c

Torna su
IlPiacenza è in caricamento