menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La firma

La firma

Gragnano per il sociale, siglato un protocollo d’intesa con i sindacati

E’ stato siglato nei giorni scorsi tra Il Comune di Gragnano e i sindacati Cgil, Cisl e Uil un protocollo d’intesa sulle politiche sociali. «È stata l’occasione per valutare e ribadire  l’alto livello e la numerosità dei servizi  forniti dall’Amministrazione Comunale, frutto di un in impegno che si è consolidato negli anni e di cui sono esempio il progetto di sostegno al reddito e all’abitazione per nuclei e persone in difficoltà e da ultimo l’adesione al Progetto regionale di conciliazione tempi vita-lavoro che  prevede agevolazioni per famiglie con  figli frequentanti  centri estivi  e che il Comune porta avanti come capofila per tutto il distretto di Ponente», commenta il sindaco Patrizia Calza. In particolare numerosi sono i progetti avviati a favore delle categorie deboli. Solo nel 2018 per esempio sono state 71 le persone ammesse al servizio di assistenza domiciliare e l’accompagnamento sociale è stato fornito a 46 utenti anche grazie ai due automezzi attrezzati per disabili di cui il Comune dispone e dei quali uno è stato messo a disposizione da sponsor locali. Undici sono le persone che hanno usufruito del pasto a domicilio. Per i giovani, oltre al progetto educativo di aggregazione giovanile ed educativa di strada e il servizio civile con il Progetto “Sostieni un Anziano”, si sono attivati la Youngercard con 99 giovani coinvolti e relativi 22 progetti che hanno visto la collaborazione di Anspi, Proloco, tutela minori, Centro diurni anziani, Biblioteca, Centro Aggregazione Giovanile. Si è inoltre svolto il ruolo di Comune Capofila dell’Unione Bassa Val Trebbia Val Lauretta in base alla Legge 14/2008 in occasione di Bandi regionali per le politiche giovanili. «Ci teniamo altresì a sottolineare che tutti i fondi nazionali e regionali per il sostegno alle spese di gestione dei servizi educativi 0-3 anni, sono stati interamente trasferiti ai gestori privati autorizzati al funzionamento e convenzionati, dal 2017, poiché l’amministrazione ha deciso di non trattenere la quota ad essa spettante» continua il sindaco. Con le organizzazioni sindacali si è infine concordato di mantenere il Fondo comunale per la non autosufficienza pari a un euro per abitante, in aggiunta al fondo regionale per la Non autosufficienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Patate, in Appennino quelle di qualità sono di casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento