Salute / Gragnano Trebbiense

Gragnano, un nuovo defibrillatore a Campremoldo Sotto

La donazione da parte di privati che hanno richiesto rigorosa riservatezza. Il dispositivo va ad aggiungersi a quelli già collocati nel capoluogo, a Casaliggio e a Camprmoldo Sopra, oltre a quello in dotazione alla polizia locale

Anche Campremoldo Sotto, frazione del Comune di Gragnano, è dotato di defibrillatore salvavita. Grazie alla generosità di donatori che hanno richiesto rigorosa riservatezza, il prezioso strumento è stato posizionato nei giorni scorsi in un apposita teca presso l'incrocio tra la strada comunale e la strada provinciale 48 di Centora, alla parete dell'edificio che ospita il bar Bianchi. La cerimonia, a cui erano presenti anche il sindaco Patrizia Calza, don Francois Kitenge Owandji e il consigliere comunale Andrea Capellini, è stata l'occasione per un momento di convivialità a cui ha partecipato un folto gruppo di residenti. Il sindaco, esprimendo i ringraziamenti di tutta la comunità per il gesto di generosità, ha ricordato che questo defibrillatore si va ad aggiungere agli altri già presenti sul territorio comunale rendendolo ancora più sicuro. Si tratta in particolare dei dispositivi collocati a Gragnano (uno nei pressi del centro diurno, uno vicino alla scuola media, uno nel campo sportivo San Michele), a Casaliggio vicino alla Chiesa e a Campremoldo Sopra nelle vicinanze della piazza, oltre a quello in dotazione alla polizia locale. A questi raggiungibili da tutti perché collocati in luoghi pubblici, se ne aggiungono altri presso privati. Come evidenziato da Patrizia Calza «il Progetto Vita, nato dall'intuizione di illuminati sanitari Piacentini, costituisce un'esperienza di prevenzione che pone Piacenza quale modello a livello europeo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gragnano, un nuovo defibrillatore a Campremoldo Sotto
IlPiacenza è in caricamento