Attualità Gragnano Trebbiense

Gragnano, variazione di bilancio da 155mila euro

Per soddisfare le esigenze che nel corso della prima metà dell’anno si sono evidenziate nei diversi settori amministrativi

Nel rispetto della normativa che ne richiede l’adempimento, ogni anno, entro il 31 luglio, la variazione di assestamento generale del bilancio di previsione 2021-2023 con conseguente variazione al DUP (Documento unico di Programmazione) è stata approvata mercoledì 14 luglio dal Consiglio Comunale di Gragnano che ha altresì dato atto del permanere degli equilibri di bilancio. La variazione, che è stata illustrata dall’assessore al Bilancio, Alberto Frattola, è risultata pari a 155.470 euro ed è stata finalizzata a soddisfare le esigenze che nel corso della prima metà dell’anno si sono evidenziate nei diversi settori amministrativi. Nell’occasione si è proceduto ad applicare una quota di avanzo vincolato pari a euro 82.975,36 e 9196 di quota di avanzo libero destinata ad investimenti.

Significativi i contributi regionali e nazionali incamerati dei quali si ricordano in particolare i seguenti: per la biblioteca (3500 euro), per il sistema integrato di educazione (9670), per il potenziamento del servizio socio-educativo (11.279), per il Fondo Solidarietà alimentare di cui al Decreto Sostegni bis (18.980), per il sostegno alle utenze non domestiche in materia di Tari (44.125). A questo proposito la variazione registra una minore entrata di 54.845 ero per Tari, derivante dall’azzeramento della tariffa rifiuti a favore delle utenze commerciali recentemente deciso dall’Amministrazione Comunale ma anche un risparmio di 33mila euro per la gestione rifiuti.

Gli interventi più significativi presentati consistono nel contributo economico comunale a favore delle famiglie per favorire la frequenza agli asili -nido, nonché 35mila euro per agevolazioni Tari a favore delle famiglie in difficoltà economica in forza delle modifiche al Regolamento Tari apportate in occasione dell’ultimo consiglio comunale. «Ciò che conferma l’attenzione che l’amministrazione ha deciso di dedicare alle esigenze dei nuclei familiari» - evidenzia il Sindaco Patrizia Calza.  Con soddisfazione gli amministratori hanno poi messo in evidenza la riduzione di alcune previsioni di spesa come la riduzione di 35mila euro della quota di perdita di Asp Azalea (in quanto le iniziative messe in atto dalla stessa struttura, sono riuscite a contenere le perdite causate dal Covid ed inizialmente previste, per la quota a carico del solo Comune di Gragnano 39mila euro) nonché  la riduzione di 13mila euro per la Gestione del Centro Diurno Anziani, grazie al fatto che l’allentamento del contagio ha consentito l’ingresso di un maggior numero, anche se sempre contenuto, di utenti.

Buone notizie inoltre sono quelle fatte registrare dal rapporto con l’Unione dei Comuni della Bassa Val trebbia Val Luretta: Il Comune di Gragnano infatti ha registrato in particolare un rimborso di euro 28.255 quale quota di Avanzo di amministrazione nonché una minore uscita per spese di gestione per 22.700 euro. Da segnalare inoltre che i progetti realizzati dai Comuni dell’Unione hanno consentito di incamerare 1467 euro per riqualifica Archivi, 1448 per la Biblioteca e 3553,44 euro per il Bando Politiche Giovanili. Nella manovrina si sono inoltre implementate le somme destinate a segnaletica stradale di 25mila euro, per manutenzione del verde di 12.500 euro nonché di 20mila euro per manutenzione immobili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gragnano, variazione di bilancio da 155mila euro

IlPiacenza è in caricamento